mody27_BRIJESH SATIAFP via Getty Images_joshimath BRIJESH SATI/AFP via Getty Images

L'India a pezzi

PRINCETON – La città di Joshimath nell’Himalaya, pur trovandosi a 1.800 metri di altitudine, affonda rapidamente. All’inizio di gennaio, grandi crepe hanno diviso case, hotel e strade, lasciando il futuro della città in bilico. Joshimath è una cupa metafora dello stato deplorevole dell’India.

Joshimath si trova in un’area sismicamente attiva di detriti e sedimenti stratificati su un debole ammasso di rocce. Tale terreno sprofonda e scivola naturalmente, ma il problema è aggravato dalla deforestazione. Inoltre, poiché il fiume Alaknanda (un affluente del Gange) ha eroso la punta nord-occidentale del pendio su cui sorge Joshimath, la formazione non ha un’elevata capacità portante, come già noto dagli anni ’30.

Le crepe sono apparse nelle strade di Joshimath negli anni ‘70. Nel 1976 una commissione nominata dal governo dell’Uttar Pradesh (di cui Joshimath faceva allora parte) ribadiva il rischio di cedimento (affondamento) e consigliava di costruire solo in aree ritenute stabili. Questo avvertimento ufficiale è rimasto inascoltato e gli sforzi degli attivisti locali per evitare un’edilizia non sicura non hanno avuto successo.

Il problema è peggiorato in seguito alla liberalizzazione economica dei primi anni ‘90, quando lo stato ha approvato e sostenuto una forma di capitalismo non regolamentato, che spesso era incentrato su lucrosi contratti edilizi e caratterizzato da un totale disprezzo – persino disprezzo – per l’ambiente. Gli attuali problemi di Joshimath iniziarono innocuamente nel 1993, quando Auli, una città vicina, iniziò la costruzione di una funivia per una stazione sciistica. Questo è stato l’inizio di un ben più ampio piano edilizio.

Le autorità statali hanno quindi lanciato piani ambiziosi per realizzare dighe idroelettriche per sfruttare l’energia del deflusso himalayano. L’impianto Vishnuprayag da 400 megawatt è diventato operativo nel 2006 e nello stesso anno è iniziata anche la costruzione della più controversa diga Tapovan-Vishnugad da 520 MW. Per generare elettricità, è stato necessario costruire un tunnel sotto il pendio di Joshimath, direttamente sotto la stazione sciistica di Auli. Nel 2009 una macchina per la perforazione di tunnel ha forato una falda acquifera nella montagna, esaurendo le acque sotterranee da cui dipendevano Joshimath e altre città vicine. I sedimenti hanno così riempito i vuoti lasciati dall’acqua che si ritirava, che secondo alcuni esperti e attivisti si sarebbero aggiunti alla tendenza di subsidenza dell’area.

Nel giugno 2013 una disastrosa alluvione uccise più di 4.000 persone nell’area, portando a procedimenti legali in cui la Corte Suprema espresse gravi preoccupazioni per il proliferare delle dighe nella regione. La corte era sbalordita dal fatto che le autorità non avessero valutato scientificamente “l’impatto cumulativo” delle dighe e relative esplosioni, scavi di tunnel, smaltimento del letame, estrazione mineraria e deforestazione. Su ordine della corte, il governo nominò una commissione di esperti guidata dal noto scienziato ambientale e attivista Ravi Chopra.

Secure your copy of PS Quarterly: Age of Extremes
PS_Quarterly_Q2-24_1333x1000_No-Text

Secure your copy of PS Quarterly: Age of Extremes

The newest issue of our magazine, PS Quarterly: Age of Extremes, is here. To gain digital access to all of the magazine’s content, and receive your print copy, subscribe to PS Premium now.

Subscribe Now

La Commissione guidata da Chopra giunse alla conclusione che le montagne, i fiumi e le comunità himalayane erano in “una crisi” esacerbata dal riscaldamento globale. L’approccio di “sviluppo dilagante” del governo, secondo la commissione, avrebbe causato una maggiore deforestazione e perdita di biodiversità oltre a “imprevedibili attività glaciali e paraglaciali”. Con il monito che questa combinazione esplosiva avrebbe provocato disastri ancora maggiori in futuro, la commissione propose di interrompere i lavori su 23 dighe.

Quando una seconda commissione ha approvato il giudizio della Commissione di Chopra, il governo ha nominato una terza commissione che ha dato il via libera alla costruzione di più dighe e, nel luglio 2020 le autorità hanno invitato a presentare offerte per la tangenziale Helang-Marwari nella fragile zona franosa ai piedi della collina di Joshimath. La costruzione della tangenziale iniziò due anni dopo come parte del programma di danni ambientali del primo ministro Narendra Modi per agevolare i viaggi verso i santuari sacri dell’Himalaya.

I disastri hanno continuato a mietere vittime. Nel febbraio 2021 un’altra alluvione ha ucciso alcune centinaia di persone, principalmente intorno a Tapovan-Vishnugad e a un’altra diga. Le dighe stesse sono state danneggiate quasi irreparabilmente e gli attivisti hanno chiesto all’Alta Corte di Uttarakhand di fermare la costruzione della diga. La corte rigettò la richiesta, ammonendo gli attivisti e multandoli per averle fatto perdere tempo.

Dopo le piogge insolitamente intense nell’ottobre 2021, le crepe a Joshimath raggiunsero un punto critico. Nel gennaio 2023 la minaccia del crollo delle strutture aveva reso inabitabile gran parte della città. Centinaia di residenti si ammassarono in rifugi e il governo interruppe il ripristino della diga Tapovan-Vishnugad e la costruzione della circonvallazione Helang-Marwari.

Tuttavia, con la calamità incombente, è diventato difficile ottenere informazioni credibili. Le autorità nazionali hanno recentemente ordinato all’Indian Space Research Organization di non pubblicare le immagini satellitari che rivelano il ritmo a cui sta affondando Joshimath, e i funzionari ora non possono parlare con i media della questione.

Joshimath non è certo l’unico caso. Molte altre città e strade in tutta la catena himalayana stanno mostrando simili segni di stress. E questo non dovrebbe sorprendere nessuno. È un altro sintomo della mancanza di responsabilità penale delle autorità indiane. Si profilano altri punti critici a fronte del disboscamento delle foreste; si sta costruendo su laghi, zone umide e bacini idrici naturali; le aree urbane si contendono montagne di immondizia; e i fiumi sono stati quasi irreversibilmente inquinati. L’istruzione, l’assistenza sanitaria, il sistema giudiziario e i servizi cittadini funzionano principalmente per i privilegiati.

La pratica di abbellire i dati, parte integrante della mancanza di responsabilità, si estende alla gestione macroeconomica. La crescita del Pil è aumentata inspiegabilmente dopo una revisione dei dati del 2015. Nel 2018 il governo ha respinto il proprio sondaggio quando mostrava un aumento della povertà. Il ministero delle finanze riporta dati sulla disoccupazione assurdamente irrealistici, nonostante la crisi occupazionale. Il censimento decennale previsto per il 2021 è stato procrastinato a una data futura non nota.

L’élite indiana, con il suo approccio “non vedo il male” al discorso economico e alla politica, ha cancellato il destino di Joshimath come un’aberrazione della natura. Invece, i sistemi di pagamento elettronico di livello mondiale e le startup basate sulla tecnologia hanno alimentato una narrazione globale di un imminente “secolo indiano”. Ma non ci illudiamo: Joshimath è un microcosmo della sfacciata irresponsabilità che corrode la politica e la società indiana. Dovrebbe essere un banco di prova, non un dettaglio di poca importanza.
 

Traduzione di Simona Polverino

https://prosyn.org/YHhUE15it