busch1_ Li HanchiVCG via Getty Images_china ev Li Hanchi/VCG via Getty Images

La Rapida Crescita dei Veicoli Elettrici in Cina Dovrebbe Essere Ancora più Rapida

SAN FRANCISCO – In quanto tecnologia matura ed economica, i veicoli elettrici (EV) sono una parte fondamentale della soluzione alle emissioni che provocano il riscaldamento del pianeta. Se abbinati ad elettricità pulita, offrono una via per sistemi di trasporto su terra a impatto climatico zero. E fortunatamente, l'elettricità sta diventando ogni anno più pulita, grazie al rapido calo dei costi dell'energia solare ed eolica.

Le vendite globali di veicoli elettrici sono esplose lo scorso anno, raggiungendo il 13% di tutti i nuovi veicoli venduti, rispetto all'8,6% del 2021. Gran parte di questa crescita è arrivata dalla Cina, dove nel 2022 le vendite di veicoli elettrici sono raddoppiate, a 6,9 milioni (il 26% di tutte le vendite di nuove auto), e non accenna a fermarsi. L'Associazione cinese dei Produttori di Automobili prevede che nel 2023 le vendite di veicoli elettrici nel paese cresceranno del 35%, raggiungendo i nove milioni (il 33% delle vendite totali di nuovi veicoli).

Ma nemmeno questo tasso di crescita sarà sufficiente per sostenere gli impegni sul clima della Cina o del mondo. Per portare le emissioni dei trasporti in linea con gli obiettivi scientifici per un clima sicuro, i leader cinesi dovranno accelerare ulteriormente il passo.

Secondo l'International Council for Clean Transportation, un elemento chiave del successo della Cina finora è il suo nuovo standard di vendita di veicoli energetici (NEV), una politica poco conosciuta che fissa obiettivi di vendita per le case automobilistiche nazionali. Questi obiettivi aumenteranno nel tempo, consentendo una conformità flessibile attraverso lo scambio di crediti di carbonio. Se un produttore vende più dell'obiettivo medio del settore, riceve crediti NEV che possono essere venduti a un produttore che vende meno. Da quando la politica è entrata in vigore nel 2019, il benchmark è passato dal 10% di tutte le vendite di quell'anno al 18% del 2023. Ma poiché lo scorso anno le vendite hanno già superato di gran lunga tale soglia, il Ministero cinese dell'Industria e dell'Informatica può – e deve – fissare obiettivi futuri molto più alti.

In particolare, i funzionari dei trasporti cinesi dovrebbero pianificare uno standard NEV che raggiunga il 75% di tutte le vendite entro il 2030. Se abbinato ad altre misure fattibili e ambiziose per veicoli commerciali pesanti, ciò ridurrebbe le emissioni delle auto del 70% rispetto ai livelli del 2020 entro il 2050. Al contrario, si prevede che senza ulteriori interventi le emissioni dei veicoli aumenteranno del 63% entro la metà del secolo.

Le autorità cinesi non hanno buoni motivi per non agire. Dopotutto, avere auto più pulite sulle strade salverebbe anche decine di migliaia di vite ogni anno riducendo l'inquinamento atmosferico. Gli ambiziosi standard NEV sono essenziali anche per allineare il settore dei trasporti cinese con il suo più ampio impegno verso emissioni zero.

SPRING SALE: Save 40% on all new Digital or Digital Plus subscriptions
PS_Sales_Spring_1333x1000_V1

SPRING SALE: Save 40% on all new Digital or Digital Plus subscriptions

Subscribe now to gain greater access to Project Syndicate – including every commentary and our entire On Point suite of subscriber-exclusive content – starting at just $49.99.

Subscribe Now

I modelli dell'Agenzia Internazionale per l'Energia mostrano che l'adozione globale di veicoli elettrici deve superare il 60% di tutte le auto entro il 2030 per raggiungere entro il 2050 l’azzeramento delle emissioni nette a livello globale. In pratica, ciò significa che i mercati automobilistici più grandi e avanzati devono superare la media globale, perché molti altri paesi non avranno i mezzi per realizzare una transizione altrettanto rapida. La decisione cinese di aumentare il suo standard NEV al 75% entro il 2030 sarebbe quindi altamente consequenziale.

Una transizione più rapida è fattibile e conveniente. Molte opzioni EV sono già disponibili nei principali mercati e ne vengono costantemente aggiunte di nuove alle linee di prodotti dei produttori. I crescenti investimenti dimostrano che le case automobilistiche sono seriamente intenzionate ad accelerare il passaggio ai veicoli elettrici. I prezzi continueranno a scendere con miglioramenti nella tecnologia delle batterie e nelle economie di scala. I veicoli elettrici in Cina sono già più economici delle auto a combustione interna per tutta la vita del veicolo (tenuto conto dei risparmi di carburante e manutenzione offerti dai veicoli elettrici). Questi sviluppi hanno spinto le vendite dei veicoli elettrici oltre un punto di svolta in Cina e in altri 18 paesi, inclusi gli Stati Uniti. I principali mercati sono entrati in una fase di adozione di massa dei veicoli elettrici in cui le preferenze cambieranno in modo sorprendentemente rapido.

Tuttavia, sarebbe un errore lasciare le cose alla mano invisibile del mercato. Senza cambiamenti di politiche, la transizione sarà più lenta del necessario, data la durata di vita di un'auto tipica e gli investimenti decennali che sono stati destinati alle infrastrutture per i combustibili fossili. Mentre ogni anno in Cina vengono vendute circa 25 milioni di nuove autovetture, oltre 200 milioni di veicoli sono già in circolazione, e la maggior parte circolerà per anni in futuro.

Per superare questa inerzia, gli ambiziosi standard di vendita NEV devono essere integrati all’interno di un insieme più ampio di politiche strategiche per EV. Ad esempio, l'aumento dell'adozione di massa di veicoli elettrici richiederà misure per stimolare e coordinare gli investimenti nelle infrastrutture di ricarica. E per sfruttare appieno i benefici per il clima e la salute pubblica dei veicoli elettrici, una maggiore diffusione di tali veicoli deve essere abbinata a una transizione accelerata verso l'elettricità pulita.

La notevole crescita delle vendite di veicoli elettrici negli ultimi anni è promettente per la lotta globale contro il cambiamento climatico. Ma i funzionari dei trasporti devono continuare a muoversi rapidamente per adattare le politiche alle esigenze globali. Mentre un'ambizione troppo scarsa rischia di provocare danni climatici insostenibili, una transizione rapida è essenziale per ottenere un clima sicuro e un'aria più pulita. Non c'è tempo per ulteriori ritardi. I leader cinesi devono spingere a fondo sull’acceleratore.

https://prosyn.org/N408vMMit