Zach Gibson/Getty Images

Il Deficit di Trump

CAMBRIDGE – Si tratta di un mito del post crisi finanziaria il fatto che i governi conservatori propensi all’austerità siano sempre a favore della prudenza fiscale, mentre i progressisti orientati alla redistribuzione considerino un ampio deficit come il miglior “pasto gratuito” al mondo. Questo punto di vista semplicistico, seppure contiene un granello di verità, non coglie assolutamente la reale natura dell’economia politica del deficit.

Il fatto è che ogni volta che un partito detiene un saldo controllo sul governo, ha un potente incentivo a contrarre prestiti per finanziare le proprie priorità, con la consapevolezza che non dovrà necessariamente pagarne il conto. Quindi aspettatevi che l’amministrazione del Presidente Usa recentemente eletto, Donald Trump, conservatore o meno, faccia un uso aggressivo del deficit di bilancio per finanziare le sue priorità per tasse e spesa.

Il più accurato quadro analitico utile a considerare i deficit di bilancio nelle democrazie è stato proposto alla fine degli anni ottanta dagli studiosi italiani Alberto Alesina e Guido Tabellini, più o meno contemporaneamente a due svedesi, Torsten Persson e Lars Svensson. Mentre i loro approcci differiscono leggermente nel dettaglio, l’idea di base è la stessa: si danno i soldi agli amici fin quando è possibile. Se in seguito, quando tocca ai rappresentanti del partito d’opposizione salire al potere, ci sono meno soldi da distribuire, beh, tanto peggio per loro.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/Ibf6hBQ/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.