Chinese steel plant worker STR/Getty Images

Il protezionismo non protegge i posti di lavoro da nessuna parte

CAMBRIDGE – Mentre si preoccupano per il futuro dei posti di lavori di qualità, i politici americani ed europei farebbero bene a considerare i problemi ben più grandi che si trovano ad affrontare i paesi asiatici in via di sviluppo – problemi che minacciano di esercitare una forte pressione al ribasso sui salari a livello mondiale. In India, dove il reddito pro capite è pari a circa un decimo di quello statunitense, ogni anno più di dieci milioni di persone lasciano le campagne per riversarsi nelle aree urbane, dove spesso non riescono a trovare lavoro nemmeno come chaiwalas, cioè venditori di tè, figuriamoci come programmatori. La stessa ansia che gli americani e gli europei hanno riguardo al futuro dell’occupazione è di un ordine di grandezza superiore in Asia.      

L’India dovrebbe forse ispirarsi al tradizionale modello industriale lanciato dal Giappone, che tanti altri, compresa la Cina, hanno seguito? E dove può portarla ciò se, nell’arco dei prossimi due decenni, l’automazione è destinata a rendere obsoleta la maggior parte di questi mestieri?

C’è, naturalmente, il settore dei servizi, che nelle economie avanzate dà lavoro all’80% della popolazione, e in cui l’outsourcing indiano continua a occupare il primo posto nella classifica mondiale. Purtroppo, anche lì il futuro è tutt’altro che roseo. I sistemi automatizzati di chiamata hanno già soppiantato una quota notevole dell’attività globale dei call center, e molti lavori di programmazione stanno anch’essi perdendo terreno per la concorrenza dei computer.  

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

http://prosyn.org/ri7RRH6/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.