Flags at Glastonbury Shirlaine Forrest/Getty Images

L’Ordine mondiale 2.0

NEW YORK – Per quasi quattro secoli, da quando la Pace di Westfalia segnò la fine della Guerra dei Trent’anni in Europa nel 1648, il concetto di sovranità – il diritto di ogni paese a un’esistenza indipendente e all’autonomia – è stato alla base dell’ordine internazionale. E questo per una buona ragione: come si è potuto constatare nel corso dei secoli, compreso quello attuale, un mondo in cui i confini territoriali vengono violati con la forza è un mondo condannato all’instabilità e al conflitto.

In un mondo globalizzato, tuttavia, un sistema operante a livello globale basato esclusivamente sul rispetto della sovranità – che potremmo chiamare Ordine mondiale 1.0 – è diventato sempre più inadeguato. Ormai davvero poco resta circoscritto a livello locale. Qualunque luogo è praticamente raggiungibile da tutto e da tutti – turisti, terroristi, rifugiati, email, malattie, dollari e gas effetto serra. Il risultato è che ciò che accade in un dato paese non può più essere solo un problema di quel paese. Le diverse realtà odierne richiedono un sistema aggiornato, che potremmo denominare Ordine mondiale 2.0, basato sul concetto di “obbligo sovrano”, ovvero legato alla sovranità nazionale, dove gli stati sovrani non hanno soltanto diritti, ma anche obblighi nei confronti degli altri paesi.

Un nuovo ordine internazionale richiederà anche un insieme allargato di norme e accordi, a partire da un concetto d’identità statale condiviso da tutti. Gli attuali governi dovrebbero considerare eventuali richieste di costituzione di uno stato solo laddove vi siano una giustificazione storica, una motivazione convincente e il sostegno popolare, e laddove la nuova entità proposta sia realizzabile.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/9b4ouI9/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.