Usi ed abusi dei social media

NEW YORK – Eravamo stati avvertiti. Nel 2011, Marc Andreessen, investitore e fondatore di Netscape, aveva scritto un saggio, che poi ha avuto ampia diffusione, dal titolo “Perché il software sta divorando il mondo”. Noi, però, non l’avevamo preso sul serio, pensando che si trattasse di una semplice metafora, e ora ci ritroviamo ad affrontare la sfida di strappare il mondo dalle fauci dei monopoli delle piattaforme Internet.   

Un tempo ero un ottimista della tecnologia. Nei trentacinque anni di carriera dedicati a investire in quanto di meglio e più geniale offrisse la Silicon Valley, ho avuto la fortuna di conoscere a fondo i settori dei personal computer, della comunicazione mobile, di Internet e dei social network. Tra i momenti salienti della mia carriera sono alcuni investimenti iniziali in Google e Amazon, e l’aver fatto da mentore a Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, tra il 2006 e il 2010.   

Ogni nuova ondata tecnologica ha aumentato la produttività e l’accesso alla conoscenza. Ogni nuova piattaforma creata è risultata più facile da usare e più utile. La tecnologia ha dato una spinta alla globalizzazione e alla crescita economica. Per decenni ha reso il mondo un posto migliore, e noi credevamo che sarebbe stato sempre così. 

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/fJfXtDx/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.