Traders crowd at NYSE Spencer Platt/Getty Images

In Arrivo il Mercato dell’ “Orso”?

NEW HAVEN – Il mercato azionario statunitense oggi è caratterizzato da una combinazione apparentemente insolita di valori molto elevati, in seguito ad un periodo di forte crescita degli utili, ed una volatilità molto bassa. Che implicazioni suggeriscono questi messaggi apparentemente contraddittori circa la probabilità che gli Stati Uniti siano diretti verso un mercato dell’ “orso”?

Per rispondere a questa domanda dobbiamo guardare ai mercati ribassisti del passato. E questo richiede di definire con precisione ciò che comporta un “mercato dell’orso”. Oggi i media identificano un mercato ribassista “classico” o “tradizionale” con un calo del 20% dei prezzi delle azioni.

Tale definizione non compare in nessun organo di informazione prima degli anni ‘90, e non vi è alcuna indicazione riguardo a chi l’abbia sancita. Può avere le sue radici nell’esperienza del 19 ottobre 1987, quando in un solo giorno il mercato azionario è sceso qualcosa oltre il 20%. I tentativi di legare il termine alla storia del “Lunedì Nero” potrebbero avere portato alla definizione del 20%, che i giornalisti e gli editori probabilmente hanno semplicemente copiato l’uno dall’altro.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/wY85HgI/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.