A man begs for money Jewel Samad/Getty Images

La povertà è anche un problema psicosociale

BRIGHTON – Essere poveri è un’esperienza profondamente avvilente e degradante dal punto di vista della dignità personale e dell’autostima. Mentre le sue manifestazioni e cause possono essere differenti, il senso di umiliazione che accompagna la povertà è universale. Un recente studio dell’Università di Oxford ha evidenziato che, dalla Cina al Regno Unito, la ferita inferta all’orgoglio e all’autostima delle persone – compresi i bambini – che vivono in condizioni di indigenza è pressoché identica.  

Eppure, nonostante esista un evidente legame tra povertà e sofferenza psicologica, sul piano politico la tendenza è quella di ignorare il senso di vergogna che la povertà provoca. Al contrario, gli sforzi volti a ridurre la povertà tendono a concentrarsi sui segni tangibili della privazione, come la mancanza di reddito o di istruzione. Di conseguenza, le soluzioni proposte spesso implicano indirettamente che un maggior benessere materiale o un miglioramento delle condizioni di vita si tradurranno automaticamente in benefici immateriali, tra cui un maggiore benessere psichico.  

Questa mancanza di considerazione dell’aspetto “psicosociale” della povertà – l’interazione fra forze sociali e atteggiamenti o comportamenti individuali – è sbagliata. Se vogliamo alleviare le sofferenze delle persone e raggiungere l’importante obiettivo di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite di porre fine alla povertà “in tutte le sue forme” entro il 2030, dovremo concentrare i nostri sforzi sul ruolo intrinseco e strumentale che la vergogna gioca in relazione alla povertà.  

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/3gnfjtP/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.