Macron French Elections Aurelien Morissard/ IP3

Lezioni dagli antiglobalisti

NEW YORK – La probabile vittoria di Emmanuel Macron alle elezioni presidenziali francesi ha suscitato un sospiro di sollievo a livello globale. Almeno l'Europa non si sta imbarcando sulla strada del protezionismo che invece il Presidente Donald Trump sta obbligando a percorrere negli Stati Uniti.

Tuttavia i sostenitori della globalizzazione dovrebbero tenere lo champagne al fresco: i protezionisti e i sostenitori della “democrazia illiberale” sono in aumento in molti altri paesi. E il fatto che un bigotto evidente e bugiardo seriale possa ottenere tanti voti quanti quelli presi da Trump e che Marine Le Pen sarà al ballottaggio con Macron il 7 maggio, dovrebbero preoccupare alquanto.

Alcuni suppongono che la cattiva gestione e l'ovvia incompetenza di Trump debbano essere abbastanza da smorzare l'entusiasmo per il movimento populista altrove. Allo stesso modo, gli elettori di Rust Belt, che hanno sostenuto Trump, quasi certamente staranno peggio nei prossimi quattro anni e gli elettori intelligenti di sicuro lo capiranno.  

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

http://prosyn.org/kgJlts7/it;
  1. verhofstadt40_PAULFAITHAFPGettyImages_borisjohnsonspeakingarms Paul Faith/AFP/Getty Images

    Boris’s Big Lie

    Guy Verhofstadt

    While Boris Johnson, the likely successor to British Prime Minister Theresa May, takes his country down a path of diminished trade, the European Union is negotiating one of the largest free-trade agreements in the world. One really has to wonder what the "buccaneering" Brexiteers have to complain about.

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.