Macron French Elections Aurelien Morissard/ IP3

Lezioni dagli antiglobalisti

NEW YORK – La probabile vittoria di Emmanuel Macron alle elezioni presidenziali francesi ha suscitato un sospiro di sollievo a livello globale. Almeno l'Europa non si sta imbarcando sulla strada del protezionismo che invece il Presidente Donald Trump sta obbligando a percorrere negli Stati Uniti.

Tuttavia i sostenitori della globalizzazione dovrebbero tenere lo champagne al fresco: i protezionisti e i sostenitori della “democrazia illiberale” sono in aumento in molti altri paesi. E il fatto che un bigotto evidente e bugiardo seriale possa ottenere tanti voti quanti quelli presi da Trump e che Marine Le Pen sarà al ballottaggio con Macron il 7 maggio, dovrebbero preoccupare alquanto.

Alcuni suppongono che la cattiva gestione e l'ovvia incompetenza di Trump debbano essere abbastanza da smorzare l'entusiasmo per il movimento populista altrove. Allo stesso modo, gli elettori di Rust Belt, che hanno sostenuto Trump, quasi certamente staranno peggio nei prossimi quattro anni e gli elettori intelligenti di sicuro lo capiranno.  

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/kgJlts7/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.