Project Syndicate The FED

La Federal Reserve di Donald Trump

CAMBRIDGE – Con la nomina di Jerome Powell alla guida della Federal Reserve, la banca centrale statunitense, Donald Trump ha preso quella che è forse la decisione più importante della sua presidenza. Si tratta di una scelta sobria e sensata che nel breve termine preannuncia una continuità in termini di politica dei tassi di interesse, e forse anche un approccio più semplice e nuovo alle politiche di regolamentazione.     

Sebbene non sia un economista come Janet Yellen, l’attuale presidente della Fed, e il suo predecessore, Ben Bernanke, Powell ha utilizzato i suoi anni da “semplice” membro del consiglio dei governatori della banca centrale per acquisire una profonda conoscenza delle importanti questioni che si troverà ad affrontare. Ma statene certi: l’istituzione che d’ora in avanti sarà guidata da Powell governa il sistema finanziario globale. Tutti gli altri banchieri centrali, ministri delle finanze e persino presidenti occupano un secondo posto assai distante dal suo.

Se tale affermazione sembra esagerata è soltanto perché la maggior parte di noi non segue l’attività della Fed quotidianamente. Quando la Fed fa la cosa giusta, i prezzi si mantengono stabili, la disoccupazione resta bassa e la produzione ferve. Ma “fare la cosa giusta” non è sempre facile, e quando la Fed sbaglia i risultati possono essere molto sgradevoli. 

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/At3g7OO/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.