David Cameron Bloomberg/Getty Images

Il fallimento democratico della Gran Bretagna

CAMBRIDGE – La reale follia del voto del Regno Unito per uscire dall’Unione europea non è stata il fatto che i leader britannici abbiano osato chiedere al proprio popolo di soppesare i vantaggi dell’adesione all’Ue rispetto alle pressioni sull’immigrazione che essa comporta, quanto piuttosto  l’assurda facilità con cui è stato possibile scegliere, ossia solo con una maggioranza semplice. Considerata l’affluenza alle urne del 70%, ciò ha significato che la campagna del Leave ha vinto con il sostegno di appena il 36% degli aventi diritto al voto.

Questa non è democrazia, è una roulette russa per la repubblica. È stata presa una decisione dalle conseguenze enormi – che vanno ben oltre il fatto di modificare la costituzione del paese (ovviamente, il Regno Unito non dispone di una costituzione scritta) – senza valutare i dovuti pro e contro.

Il voto dovrà essere ripetuto dopo un anno per essere certo? No. La maggioranza nel Parlamento deve sostenere la Brexit? Apparentemente no. La popolazione del Regno Unito sapeva davvero cosa stava votando? Assolutamente no. Di fatto, nessuno ha idea di quali siano le conseguenze, né per il Regno Unito nel sistema commerciale globale, né sulla stabilità politica domestica. Temo non si prospetti una bella situazione.

Badate bene, i cittadini dell’Occidente sono fortunati a vivere in un’epoca di pace: le circostanze e le priorità possono essere modificate con i processi democratici invece che con le guerre civili e i conflitti con altri paesi. Ma cos’è esattamente un processo democratico equo per prendere decisioni irreversibili che definiscono una nazione? È davvero sufficiente ottenere il 52% dei voti per divorziare dall’Ue in un giorno di pioggia?

In termini di durata e convinzione delle preferenze, la maggior parte delle società pone ostacoli maggiori al modo in cui una coppia cerca un divorzio di quanto abbia fatto il governo del primo ministro David Cameron per la decisione di lasciare l’Ue. I brexiters non hanno inventato questo gioco; esistono diversi precedenti, inclusi la Scozia nel 2014 e il Quebec nel 1995. Ma fino ad ora, il cilindro della pistola non si era mai fermato sul proiettile. Ora che si è fermato proprio lì, è tempo di ripensare alle regole del gioco.

L’idea che in qualche modo la decisione raggiunta con la regola della maggioranza sia necessariamente “democratica” è una perversione del termine. Le democrazie moderne hanno fatto evolvere il sistema dei pesi e contrappesi per proteggere gli interessi delle minoranze ed evitare di prendere decisioni disinformate con conseguenze catastrofiche. Più le decisioni sono importanti e durature, maggiori sono gli ostacoli.

The World’s Opinion Page

Help support Project Syndicate’s mission

subscribe now

È per questo che attuare, ad esempio, un emendamento costituzionale richiede generalmente di risolvere ostacoli maggiori che far passare un progetto di legge sulla spesa. Eppure il corrente standard internazionale per scindere un paese è notoriamente meno rigoroso del voto richiesto per abbassare l’età per il consumo di bevande alcoliche.

Con l’Europa ora di fronte al rischio di un effetto domino, la domanda urgente è se esista un modo migliore di prendere queste decisioni. Mi sono rivolto a diversi scienziati politici di spicco per vedere se esista un qualche consenso accademico; sfortunatamente no.

Da un lato, la decisione di Brexit potrebbe essere sembrata semplice sulle schede elettorali, ma in verità nessuno sa cosa succede dopo aver votato per il Leave. Quello che sappiamo è che, in pratica, la maggior parte dei paesi richiede una “supermaggioranza” per decisioni di carattere nazionale, e non un mero 51%. Non c’è un dato universale come 60%, ma il principio generale è che, per lo meno, sia possibile dimostrare una maggioranza stabile. Un paese non dovrebbe fare dei cambiamenti fondamentali e irreversibili sulla base di una risicata minoranza che prevale solo durante una  breve fase emotiva. Anche se l’economia del Regno Unito non cadrà in una vera e propria recessione dopo questo voto (la flessione della sterlina potrebbe attenuare il colpo iniziale), è molto probabile che il risultante disordine economico e politico farà pentire alcuni sostenitori della Brexit”.

Sin dall’antichità, i filosofi hanno cercato di elaborare sistemi in grado di bilanciare i punti di forza della regola della maggioranza rispetto alla necessità di garantire che le parti informate possano dire la loro nelle decisioni importanti, e che vengano sentite anche le voci della minoranza. Nelle assemblee di Sparta dell’antica Grecia, i voti erano raccolti per acclamazione. Le persone potevano modulare la propria voce per riflettere l’intensità delle loro preferenze, e il presidente dell’assemblea ascoltava attentamente e poi dichiarava il risultato. Si trattava di un sistema imperfetto, ma forse migliore di quanto appena accaduto nel Regno Unito.

Per certi versi, la sorella di Sparta, Atene, aveva implementato il più puro degli esempi storici di democrazia. Tutte le classi avevano pari voti (anche se solo i maschi). Infine, dopo alcune catastrofiche decisioni belliche, gli atenesi videro la necessità di concedere più potere agli enti indipendenti.

Cosa avrebbe dovuto fare il Regno Unito se avesse dovuto porre la domanda dell’adesione all’Ue (che tra l’altro non ha fatto)? Sicuramente l’ostacolo sarebbe stato maggiore; ad esempio, la Brexit avrebbe dovuto richiedere, diciamo, due voti popolari a distanza di almeno due anni l’uno dall’altro, seguiti da un voto al 60% nella House of Commons. Se la Brexit prevalesse ancora, almeno sapremmo che non si è trattato solo di una fotografia istantanea di un frammento della popolazione.

Il voto del Regno Unito ha gettato l’Europa nel caos. Molto dipenderà da come il mondo reagirà e da come il governo britannico riuscirà a risollevarsi. È importante fare il punto non solo dell’esito, ma anche del processo. Qualsiasi azione tesa a ridefinire un accordo che esisteva da tempo sui confini di un paese dovrebbe richiedere molto più di una semplice maggioranza in un’unica votazione. La corrente norma internazionale della regola della maggioranza semplice è, come abbiamo appena visto, la formula per il caos.

Traduzione di Simona Polverino

http://prosyn.org/Mi4hGBM/it;
  1. Television sets showing a news report on Xi Jinping's speech Anthony Wallace/Getty Images

    Empowering China’s New Miracle Workers

    China’s success in the next five years will depend largely on how well the government manages the tensions underlying its complex agenda. In particular, China’s leaders will need to balance a muscular Communist Party, setting standards and protecting the public interest, with an empowered market, driving the economy into the future.

  2. United States Supreme Court Hisham Ibrahim/Getty Images

    The Sovereignty that Really Matters

    The preference of some countries to isolate themselves within their borders is anachronistic and self-defeating, but it would be a serious mistake for others, fearing contagion, to respond by imposing strict isolation. Even in states that have succumbed to reductionist discourses, much of the population has not.

  3.  The price of Euro and US dollars Daniel Leal Olivas/Getty Images

    Resurrecting Creditor Adjustment

    When the Bretton Woods Agreement was hashed out in 1944, it was agreed that countries with current-account deficits should be able to limit temporarily purchases of goods from countries running surpluses. In the ensuing 73 years, the so-called "scarce-currency clause" has been largely forgotten; but it may be time to bring it back.

  4. Leaders of the Russian Revolution in Red Square Keystone France/Getty Images

    Trump’s Republican Collaborators

    Republican leaders have a choice: they can either continue to collaborate with President Donald Trump, thereby courting disaster, or they can renounce him, finally putting their country’s democracy ahead of loyalty to their party tribe. They are hardly the first politicians to face such a decision.

  5. Angela Merkel, Theresa May and Emmanuel Macron John Thys/Getty Images

    How Money Could Unblock the Brexit Talks

    With talks on the UK's withdrawal from the EU stalled, negotiators should shift to the temporary “transition” Prime Minister Theresa May officially requested last month. Above all, the negotiators should focus immediately on the British budget contributions that will be required to make an orderly transition possible.

  6. Ksenia Sobchak Mladlen Antonov/Getty Images

    Is Vladimir Putin Losing His Grip?

    In recent decades, as President Vladimir Putin has entrenched his authority, Russia has seemed to be moving backward socially and economically. But while the Kremlin knows that it must reverse this trajectory, genuine reform would be incompatible with the kleptocratic character of Putin’s regime.

  7. Right-wing parties hold conference Thomas Lohnes/Getty Images

    Rage Against the Elites

    • With the advantage of hindsight, four recent books bring to bear diverse perspectives on the West’s current populist moment. 
    • Taken together, they help us to understand what that moment is and how it arrived, while reminding us that history is contingent, not inevitable


    Global Bookmark

    Distinguished thinkers review the world’s most important new books on politics, economics, and international affairs.

  8. Treasury Secretary Steven Mnuchin Bill Clark/Getty Images

    Don’t Bank on Bankruptcy for Banks

    As a part of their efforts to roll back the 2010 Dodd-Frank Act, congressional Republicans have approved a measure that would have courts, rather than regulators, oversee megabank bankruptcies. It is now up to the Trump administration to decide if it wants to set the stage for a repeat of the Lehman Brothers collapse in 2008.