Businessmen standing on world map, waving American and Chinese flags PhotoAlto/Milena Boniek/Getty

Il rischio di un nuovo diverso ordine economico

LONDON – Il mese prossimo, quando i ministri delle finanze e i governatori delle banche centrali provenienti da oltre 180 paesi si riuniranno a Washington per le riunioni annuali del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale, dovranno far fronte a un ordine economico globale in crescente tensione. Non essendo riuscito a garantire la prosperità economica inclusiva di cui è in grado, tale ordine è soggetto a un aumento dei dubbi e a all’incrementarsi delle sfide. Escludendo una correzione di tale tendenza, i rischi che l'ordine attuale si trasformerà in un diverso ordine economico a livello mondiale non faranno che intensificarsi.

L'attuale ordine economico internazionale, guidato dagli Stati Uniti e dai suoi alleati dopo la seconda guerra mondiale, è sostenuto da istituzioni multilaterali, tra cui l’Fmi e la Banca mondiale. Queste istituzioni sono state pensate per definire gli obblighi dei paesi membri e hanno incarnato una serie di migliori pratiche economico-politiche che si sono evolute in quello che è diventato noto come il "consenso di Washington".

Tale consenso era radicato in un paradigma economico che mirava a promuovere interazioni a vantaggio di tutti i paesi, sottolineando la liberalizzazione del commercio, i flussi di capitali transfrontalieri relativamente illimitati, i prezzi liberi del mercato e la deregolamentazione interna. Tutto ciò era in netto contrasto con quanto sviluppato dietro la cortina di ferro e in Cina durante la prima metà del dopoguerra.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

http://prosyn.org/A6Fwvwz/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.