Ullstein Bild/Getty Images

Perché la democrazia necessita di esperti fidati

PARIGI – Lo scorso mese ho scritto un articolo sul perché gli elettori britannici abbiano scelto di abbandonare l’Unione europea, sottraendosi allo schiacciante peso dell’opinione di esperti che ammonivano circa gli altissimi costi economici della Brexit. Osservavo come molti elettori nel Regno Unito e in altri Paesi siano infuriati con gli esperti economici. Secondo loro gli esperti non sono riusciti a prevedere la crisi finanziaria del 2008, hanno messo l’efficienza al primo posto delle loro consulenze politiche, e hanno ciecamente presunto che chi usciva perdente dalle loro prescrizioni politiche potesse essere compensato in qualche modo non specificato. Sostenevo che gli esperti dovrebbero essere più umili e più attenti alle questioni legate alla frequenza di certi avvenimenti.

Il pezzo ha suscitato un maggior numero di commenti da parte dei lettori di qualsiasi altro mio articolo. Le reazioni confermano prevalentemente la rabbia che avevo notato. Considerano gli economisti e altri esperti isolati e indifferenti alle preoccupazioni della gente comune, spinti da un programma che non coincide con quello dei cittadini, spesso palesemente in errore e quindi incompetenti, influenzati o semplicemente catturati dalle grandi aziende e dal settore finanziario, e ingenui, nel non vedere che i politici selezionano le analisi che più si adattano ai loro scopi e ignorano il resto. Gli esperti, a detta di alcuni, sono anche colpevoli di dividere la società segmentando il dibattito in una miriade di piccole discussioni settoriali.

Ho ricevuto commenti anche da professionisti di scienze naturali secondo i quali la crescente sfiducia dei cittadini nei confronti degli esperti contagiava anche le loro discipline. Le opinioni scientifiche in settori quali energia, clima, genetica e medicina devono far fronte a un diffuso rifiuto popolare. Negli Stati Uniti, ad esempio, da un sondaggio condotto da Pew Research emerge che il 67% degli adulti pensa che gli scienziati non capiscano chiaramente gli effetti degli organismi geneticamente modificati sulla salute. La sfiducia negli Ogm è persino più alta in Europa. Se da un lato resta solido il supporto generale alla scienza, dall’altro molti cittadini credono che sia manipolata da speciali interessi, e su alcune questioni, l’opinione comune diverge dalle prove certe.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/M2RtEiu/it;
  1. Sean Gallup/Getty Images

    Angela Merkel’s Endgame?

    The collapse of coalition negotiations has left German Chancellor Angela Merkel facing a stark choice between forming a minority government or calling for a new election. But would a minority government necessarily be as bad as Germans have traditionally thought?

  2. Trump Trade speech Bill Pugliano/Getty Images .

    Preparing for the Trump Trade Wars

    In the first 11 months of his presidency, Donald Trump has failed to back up his words – or tweets – with action on a variety of fronts. But the rest of the world's governments, and particularly those in Asia and Europe, would be mistaken to assume that he won't follow through on his promised "America First" trade agenda.

  3. A GrabBike rider uses his mobile phone Bay Ismoyo/Getty Images

    The Platform Economy

    While developed countries in Europe, North America, and Asia are rapidly aging, emerging economies are predominantly youthful. Nigerian, Indonesian, and Vietnamese young people will shape global work trends at an increasingly rapid pace, bringing to bear their experience in dynamic informal markets on a tech-enabled gig economy.

  4. Trump Mario Tama/Getty Images

    Profiles in Discouragement

    One day, the United States will turn the page on Donald Trump. But, as Americans prepare to observe their Thanksgiving holiday, they should reflect that their country's culture and global standing will never recover fully from the wounds that his presidency is inflicting on them.

  5. Mugabe kisses Grace JEKESAI NJIKIZANA/AFP/Getty Images

    How Women Shape Coups

    In Zimbabwe, as in all coups, much behind-the-scenes plotting continues to take place in the aftermath of the military's overthrow of President Robert Mugabe. But who the eventual winners and losers are may depend, among other things, on the gender of the plotters.

  6. Oil barrels Ahmad Al-Rubaye/Getty Images

    The Abnormality of Oil

    At the 2017 Abu Dhabi Petroleum Exhibition and Conference, the consensus among industry executives was that oil prices will still be around $60 per barrel in November 2018. But there is evidence to suggest that the uptick in global growth and developments in Saudi Arabia will push the price as high as $80 in the meantime.

  7. Israeli soldier Menahem Kahana/Getty Images

    The Saudi Prince’s Dangerous War Games

    Saudi Arabia’s Crown Prince Mohammed bin Salman is working hard to consolidate power and establish his country as the Middle East’s only hegemon. But his efforts – which include an attempt to trigger a war between Israel and Hezbollah in Lebanon – increasingly look like the work of an immature gambler.