L’imperativo educativo dell’Africa

DUBAI – Il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha chiamato l’istruzione l’“unico migliore investimento” che i Paesi possono fare per costruire “società prospere, sane ed eque”. Da nessun’altra parte questa riflessione è più rilevante che in Africa, dove gli investimenti su vasta scala nell’istruzione hanno consentito significativi risultati sul fronte dell’alfabetizzazione, della scolarizzazione e delle iscrizioni universitarie negli ultimi anni. Ma il continente ha ancora molta strada da fare.

Secondo l’Unicef, l’Africa sub-Sahariana ospita oltre la metà dei 58 milioni di bambini in tutto il mondo che non vanno a scuola, soprattutto bambine e ragazze. Oltre un africano su cinque tra i 15 e i 24 anni è disoccupato, solo uno su tre ha completato la scuola primaria e, nonostante alcuni progressi, il tasso dell’istruzione superiore resta basso.

Il fatto che molti indicatori sociali siano stagnanti o in calo è particolarmente deludente, considerato che in Africa si trovano molte delle economie con la crescita più rapida del mondo. In base a un recente report delle Nazioni Unite, il numero di africani che vive in estrema povertà è aumentato quasi del 40%, passando a 414 milioni, dal 1990 al 2010. Quattro morti su cinque di bambini al di sotto dei cinque anni avvengono in Africa.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/H0Yxc3I/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.