Skip to main content

elerian113_DrewAngererGettyImages_USstocktraderholdingtablet Drew Angerer/Getty Images

L’insolita ripresa dell’America è anche la più duratura

LONDRA – I dati che verranno pubblicati nei prossimi mesi dimostreranno che l’attuale espansione economica degli Stati Uniti è la più lunga mai registrata finora. Eppure, malgrado la loro performance continui a essere migliore di quella di altre economie avanzate, tale successo non riesce ancora a cancellare il senso di insicurezza e frustrazione che provano molti americani, né a dissipare i timori riguardanti l’assenza di margine politico per fare fronte alla prossima flessione economica o shock finanziario.   

L’attuale fase di espansione è iniziata alla metà del 2009, in seguito alla crisi finanziaria del 2008 e alla “Grande Recessione”. Inizialmente alimentata da interventi fiscali eccezionali e da politiche monetarie un tempo impensabili, l’economia ha creato le condizioni per ripristinare la fiducia del settore privato e rimettere in sesto i bilanci societari. Unita a progressi sempre più rapidi nel campo delle nuove tecnologie, l’espansione è stata poi guidata in larga misura da aziende tecnologiche e aziende-piattaforma che presiedono la nuova “gig economy”, e ha ricevuto un ulteriore slancio da misure volte a favorire la crescita, come la deregolamentazione e gli sgravi fiscali.  

Con il tasso di disoccupazione statunitense al 3,6%, oggi i salari reali (adeguati all’inflazione) stanno crescendo al ritmo dell’1,6%. E dal momento che i dati trimestrali più recenti indicano un tasso di crescita annuo del Pil pari al 3,1%, l’attività economica degli Usa continua a superare quella dell’Europa e del Giappone con un margine significativo. Grazie a questa forza, l’America è divenuta sempre più assertiva nel perseguimento dei propri obiettivi nazionali all’estero, anche eludendo meccanismi di cooperazione e risoluzione dei conflitti ormai consolidati e minacciando dazi sulle importazioni e altre misure protezionistiche.  

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

https://prosyn.org/74l7JgF/it;
  1. bildt69_DELIL SOULEIMANAFP via Getty Images_syriansoldiermissilegun Delil Souleiman/AFP/Getty Images

    Time to Bite the Bullet in Syria

    Carl Bildt

    US President Donald Trump's impulsive decision to pull American troops out of northern Syria and allow Turkey to launch a military campaign against the Kurds there has proved utterly disastrous. But a crisis was already inevitable, given the realities on the ground and the absence of a coherent US or Western policy in Syria.

    5

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated Cookie policy, Privacy policy and Terms & Conditions