Dean Rohrer

Porre fine a fame e malnutrizione

ROME – Ci sono a volte eventi che possono avere un impatto decisivo per l’umanità, ma che passano spesso inosservati nel momento in cui avvengono. Un evento del genere si è verificato questo dicembre a Roma. Il Consiglio della FAO, l’Organizzazione dell’ONU per l’Alimentazione e l’Agricoltura, ha deciso che l’obiettivo della FAO non debba più essere semplicemente la riduzione della fame, ma la completa eliminazione di fame, insicurezza alimentare e malnutrizione, e di confermare questo cambiamento alla Conferenza della FAO, alla quale partecipano tutti i paesi membri dell’Organizzazione, che avrà luogo nel giugno 2013.

A molti questo piccolo cambiamento nella formulazione potrà sembrare di poco conto. Qualcuno polemicamente dirà che adottare un obiettivo del genere senza fissare una data in cui raggiungerlo non ha senso. Altri obietteranno che la sola idea di eliminare la fame è una sciocchezza, perché mancano i mezzi per farlo.

Negli ultimi 12 anni l’Obiettivo di Sviluppo del Millennio di dimezzare la fame entro il 2015 è stata la principale forza trainante dell’impegno per ridurla. La proporzione delle persone che soffrono la fame nei paesi in via di sviluppo è diminuita in modo significativo, passando dal 23,2 % degli anni 1990-92 al 14,9% di oggi. Tuttavia, questo calo è dovuto più all’aumento demografico che alla leggera riduzione del numero effettivo delle persone che soffrono di malnutrizione (da circa 980 milioni di persone agli attuali 852 milioni).

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/6tkFCKO/it;
  1. China corruption Isaac Lawrence/Getty Images

    The Next Battle in China’s War on Corruption

    • Chinese President Xi Jinping knows well the threat that corruption poses to the authority of the Communist Party of China and the state it controls. 
    • But moving beyond Xi's anti-corruption purge to build robust and lasting anti-graft institutions will not be easy, owing to enduring opportunities for bureaucratic capture.
  2. Italy unemployed demonstration SalvatoreEsposito/Barcroftimages / Barcroft Media via Getty Images

    Putting Europe’s Long-Term Unemployed Back to Work

    Across the European Union, millions of people who are willing and able to work have been unemployed for a year or longer, at great cost to social cohesion and political stability. If the EU is serious about stopping the rise of populism, it will need to do more to ensure that labor markets are working for everyone.

  3. Latin America market Federico Parra/Getty Images

    A Belt and Road for the Americas?

    In a time of global uncertainty, a vision of “made in the Americas” prosperity provides a unifying agenda for the continent. If implemented, the US could reassert its historical leadership among a group of countries that share its fundamental values, as well as an interest in inclusive economic growth and rising living standards.

  4. Startup office Mladlen Antonov/Getty Images

    How Best to Promote Research and Development

    Clearly, there is something appealing about a start-up-based innovation strategy: it feels democratic, accessible, and so California. But it is definitely not the only way to boost research and development, or even the main way, and it is certainly not the way most major innovations in the US came about during the twentieth century.

  5. Trump Trade speech Bill Pugliano/Getty Images .

    Preparing for the Trump Trade Wars

    In the first 11 months of his presidency, Donald Trump has failed to back up his words – or tweets – with action on a variety of fronts. But the rest of the world's governments, and particularly those in Asia and Europe, would be mistaken to assume that he won't follow through on his promised "America First" trade agenda.