Promuovere l’Autoaffermazione e l’Inclusione dei Rom in Europa

BUDAPEST – In tutta Europa, milioni di persone soffrono per la disoccupazione e la prospettiva di un lungo periodo di stagnazione economica. Ma nessun gruppo è stato colpito più duramente di quello Rom.

In Europa vivono più di dieci milioni di Rom, concentrati soprattutto nei Balcani e nei nuovi stati membri dell’Unione Europea, in particolare in Romania, Bulgaria, Slovacchia e Ungheria. Ciò che è veramente scioccante è che le loro condizioni di vita sono in realtà peggiorate dal momento in cui molti di loro sono diventati cittadini dell’Unione Europea. Al tempo stesso, l’atteggiamento della maggior parte delle persone è diventato più ostile quasi ovunque in Europa.

Le due tendenze si rafforzano a vicenda: l’emarginazione genera disprezzo, e viceversa. L’unica via di fuga da questa trappola è investire nella formazione, cosa che ripagherebbe con enormi dividendi sociali. Si consideri, per esempio, che i Rom rappresentano oltre il 20% dei nuovi partecipanti alla forza lavoro nei paesi sopra citati.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/6XKr5uT/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.