Computer internet notebook audience technology Waag Society/Flickr

Che tipo di Internet sceglierà l’Europa?

BRUXELLES – Quando la Commissione europea annuncerà la nuova strategia digitale il 6 maggio, dovrà far fronte a una scelta decisiva tra due diversi approcci verso Internet. Opterà per un percorso lungimirante guidato dal mercato? Oppure sceglierà una linea difensiva, superata e retrograda?

Prima la buona notizia: l’alto profilo dell’annuncio programmato dimostra come i leader del continente riconoscano che Internet non può più essere relegato ai margini dell’attività politica  europea. È fondamentale per le performance economiche e per modernizzare la base industriale dell’Europa.

Negli ultimi cinque anni, mentre l’Europa affrontava i suoi guai macroeconomici, gli Stati Uniti e l’Asia facevano progressi, raccogliendo i frutti della digitalizzazione. In base a un recente studio condotto da Plum Consulting, l’information and communications technology (ICT) ha contribuito quasi per l’1,6% alla crescita annua della produttività negli Usa durante questo periodo – doppiando il contributo in Europa. Questo risultato non sorprende però, tenuto conto del quasi 5% di investimenti americani spesi in questo comparto, rispetto al 2% in Europa.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/ZzUudfQ/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.