Young impoverished girl with cat.

La controversa misura della povertà

WASHINGTON, DC – Per molto tempo, prima come docente universitario poi come capo consigliere economico del governo indiano, ho utilizzato i dati sulla povertà globale forniti dalla Banca mondiale per individuare trend e analizzare comparativamente i modelli vigenti nei vari paesi. Raramente, però, mi sono soffermato a pensare a come questi dati venissero calcolati. Pertanto, quando tre anni fa sono diventato capo economista della Banca mondiale, mi sono sentito come un cliente abituato a ordinare la cena nel suo ristorante preferito al quale, all’improvviso, viene chiesto di andare in cucina a prepararla.

Misurare la povertà è un’autentica sfida per la Banca mondiale. Se la povertà diminuisce, i detrattori ci accusano di voler sbandierare i nostri successi. Se, invece, aumenta, gli stessi dicono che così ci assicuriamo il lavoro. E se, infine, si mantiene costante, ci accusano di voler evitare entrambe le accuse precedenti.

Fortunatamente, sapere che si verrà criticati a prescindere dal risultato è in un certo senso liberatorio. Pur così, quando quest’anno il nostro team ha cominciato a misurare la soglia di povertà globale (e, di conseguenza, l’incidenza della povertà), avevo ben presente l’avvertimento di Angus Deaton, ultimo vincitore del Nobel per l’economia: “Non sono sicuro che sia saggio per la Banca mondiale impegnarsi così tanto in questo progetto”.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

http://prosyn.org/I8jrcO6/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.