malaria testing Pius Utomi Ekpei/AFP/Getty Images

Eliminare la malaria una volta per tutte

JEDDAH – La malaria è da tempo una delle principali malattie mortali della nostra epoca. Secondo dati forniti dall’Organizzazione mondiale della sanità, metà della popolazione mondiale è a rischio d’infezione; di fatto, però, il 90% circa dei casi di malaria e il 92% dei relativi decessi si concentrano in un’unica regione, l’Africa subsahariana.   

Mentre in Europa e Nord America la malaria è inesistente, i bambini dell’Africa subsahariana spesso ne sono colpiti più di una volta prima ancora di aver compiuto i cinque anni, ed è proprio in questa fascia d’età che si registra il 70% delle morti causate dalla malattia. Nelle donne in gravidanza, invece, essa può dare adito a gravi complicanze per la gestazione e la salute. 

La buona notizia è che negli ultimi tempi la lotta contro la malaria ha fatto passi da gigante, registrando una diminuzione costante dei casi nella maggior parte delle aree a rischio, nonché un calo dei decessi provocati dal virus pari al 29% rispetto al 2010. Tali progressi sono in parte attribuibili ad alcune innovazioni, che comprendono nuovi esami diagnostici eseguibili in pochi minuti, farmaci antimalarici più accessibili ed economici, e un impiego più ampio delle zanzariere trattate con insetticidi a rilascio graduale (LLIN). Un maggiore coinvolgimento a livello di comunità, promosso anche da musicisti, organizzazioni mediatiche e leader religiosi, ha altresì contribuito a rafforzare l’azione contro la malaria.      

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/SRg1SJW/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.