Syrian doctor Nazeer Al-Khatib/Getty Images

Medici rifugiati per la salute dei rifugiati

TORONTO – I rifugiati siriani vengono spesso descritti come un peso sgradito per le comunità presso le quali vengono ricollocati, in particolar modo rispetto alla sanità. Tuttavia, per chi scappa dalla guerra civile in Siria, l’ignoranza della piaga che vivono è offuscata solo dalla realtà dei loro bisogni e dalla diversità delle loro competenze. Sebbene sia vero che i rifugiati comportano questioni sanitarie rilevanti, dall’altro portano anche anni di esperienza nella professione medica che, se messa a buon uso, potrebbe essere un vantaggio per le comunità che li ricevono, e soprattutto per gli altri rifugiati.

Una delle sfide più grandi per i rifugiati, in qualunque posto siano, è trovare un medico. In molti paesi ospitanti delle cure inadeguate derivano da sentimenti di xenofobia, dalle barriere linguistiche o dalla carenza di personale medico. Ciò è particolarmente vero per i siriani che sono sparsi per il Medio Oriente, il Nordafrica, l’Europa e l’America del Nord.

Ma molti rifugiati siriani hanno anche un alto livello di istruzione. Una volta insediati in posti lontani dagli ospedali e le cliniche in cui erano soliti lavorare, i medici siriani vogliono semplicemente tornare a lavorare. Non è ora che lo facciano?

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

Help make our reporting on global health and development issues stronger by answering a short survey.

Take Survey

http://prosyn.org/lbLq4OT/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.