Shark marine environment Sebastien Filion/Stuart Cove's/Flickr

Morte e speranza in alto mare

HALIFAX, CANADA – Gli squali ed i loro cugini, le mante, hanno preceduto i dinosauri e sono sopravvissuti all’estinzione di massa che ha eliminato i Tyrannosaurus Rex e all’estinzione del Permiano-Triassico che ha eliminato il 96% circa delle specie marine. Anche le varianti più evolute degli squali, come gli squali martello, hanno vissuto per più di 30 milioni di anni.

Tuttavia, da pochi decenni, un quarto di tutti gli squali e delle mante sono a rischio estinzione a causa nostra. E’ quindi nostra responsabilità evitare che ciò avvenga.

Gli squali e le mante non sono gli unici pesci a rischio di estinzione. Molte altre componenti della biodiversità marina, in particolar modo i coralli, i mammiferi marini, gli uccelli marini e le tartarughe, stanno lottando per sopravvivere alle pressioni di noi esseri umani. Di conseguenza, gli ecosistemi marini sono a rischio di disgregazione e stanno diventando sempre meno stabili e produttivi.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/x5XghEJ/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.