soto3_PhotoAlto_Milena Boniek_Getty Images_globalization PhotoAlto/Milena Boniek/Getty Images

Globalizzazione per tutti

LIMA – Oggigiorno, gli avversari della globalizzazione sembrano eclissare sempre di più i suoi sostenitori. Ma se i primi avessero la meglio, l’ordine internazionale instauratosi all’indomani della seconda guerra mondiale – con l’obiettivo, spesso realizzato con successo, di promuovere la pace e la prosperità attraverso il cambiamento e le relazioni – rischierebbe il tracollo. È possibile, allora, salvare la globalizzazione? 

A un primo sguardo, la questione appare difficile. Ogni aspetto della globalizzazione, dal libero commercio alla libera circolazione di capitali, fino alla migrazione internazionale, è attualmente sotto attacco. A lanciare l’assalto sono forze antagoniste – dai partiti populisti ai gruppi separatisti, fino alle organizzazioni terroristiche – le cui azioni tendono a concentrarsi più sull’avversario da combattere che su ciò che vogliono promuovere. 

In Russia e Asia, i gruppi antioccidentali sono in prima linea nella campagna contro la globalizzazione. D’altro canto, in Europa, i partiti populisti tendono a enfatizzare la propria avversione per l’integrazione europea, con la destra che spesso condanna anche l’immigrazione, e la sinistra che denuncia una crescente disuguaglianza economica. In America Latina, invece, il nemico sembra essere l’interferenza straniera, in qualunque forma si manifesti. In Africa, i separatisti tribali si oppongono a chiunque ostacoli il cammino verso l’indipendenza. Infine, in Medio Oriente, lo Stato islamico (Isis) rifiuta la modernità in modo violento e prende di mira le società che invece la perseguono.  

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading and receive unfettered access to all content, subscribe now.

Subscribe

or

Unlock additional commentaries for FREE by registering.

Register

https://prosyn.org/1NWN2qsit