Mettere l'istruzione al primo posto

LONDRA – Per troppo tempo, la causa dell'istruzione universale è rimasta in secondo piano rispetto ad altri grandi movimenti per il cambiamento. Ora, però, grazie a due nuove condizioni alla base dell'iniziativa "Education First" ('l'istruzione innanzitutto'), lanciata dal segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, l'istruzione è tornata a occupare il posto che le spetta in cima all'agenda politica globale.

In primo luogo, ora sono gli stessi giovani a farsi promotori del diritto all'istruzione per tutti i bambini e le bambine. Rifiutando di restare in silenzio mentre si nega loro questa opportunità, i giovani – soprattutto le ragazze – stanno portando avanti una delle più importanti battaglie per i diritti civili del nostro tempo.

Pochi sono rimasti indifferenti davanti alla coraggiosa protesta della giovane pachistana Malala Yousafzai, alla quale i talebani avevano sparato in testa perché reclamava il diritto delle bambine all'istruzione. E non è certo passato inosservato il massiccio sostegno pubblico che ha ricevuto, sia in Pakistan che altrove, la causa di cui Malala si è fatta portavoce.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/tnGpZFG/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.