Chrome skull with a cigarette.

La Big Oil, la Big Tobacco e le grandi bugie

BOSTON Negli ultimi anni un numero sempre maggiore di persone sta osservando con più attenzione quello che sta accadendo al nostro pianeta (ovvero tempeste mai viste, l’aumento del livello del mare, alluvioni), e ci si sta rendendo finalmente conto del fatto che le attività dell’essere umano hanno innescato un rapido processo di cambiamento climatico. Ma indovinate un pò? La Exxon (ora nota come ExxonMobil) aveva già un sentore di questo legame addirittura nel 1978.

Nei primi anni ’80, gli scienziati della Exxon andarono in realtà oltre alla semplice ipotesi di questa legame. Riuscirono infatti a comprendere non solo la scienza che studia il cambiamento climatico, ma riconobbero anche il ruolo enorme che la loro stessa azienda aveva nel contribuire a questo fenomeno. Riconoscendo gli effetti potenzialmente “catastrofici” per una parte significativa della popolazione, spinsero quindi i dirigenti della Exxon ad agire, ma questi finirono invece per insabbiare la verità.

Ci potrebbe però essere uno squarcio di luce su questa storia alquanto indisponente. Le ultime indagini che hanno rivelato l’inganno della Exxon potrebbero infatti catalizzare l’azione necessaria per affrontare l’incombente crisi climatica. Dopotutto, rivelazioni simili legate all’industria del tabacco (quello che sapevano le aziende produttrici di sigarette e quando lo vennero a sapere) hanno trasformato lo scenario della salute pubblica.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/p4r0oa2/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.