Alibaba alipay Zhang Peng/Getty Images

Perché creare economie finanziariamente inclusive

SEATTLE – Il tema del vertice del G20 che si riunisce questa settimana ad Amburgo è “dare forma a un mondo interconnesso”, e quando i leader si metteranno al lavoro, molti dei temi di più alto profilo, come il cambiamento climatico, la lotta al terrorismo e il commercio, domineranno la scena. Ma l'attenzione che riceverà un tema meno noto in agenda non sarà meno cruciale per garantire la prosperità globale: l'inclusione finanziaria digitale.

Oggi, circa due miliardi di adulti sono ancora privi di accesso ai servizi finanziari di base. L'inclusione finanziaria digitale mira ad ampliare l'accesso all'economia formale rendendo accessibili e disponibili su larga scala strumenti elettronici finanziari, ad esempio conti di addebito a cui le persone possono accedere dal proprio telefono cellulare.

Quando i poveri cominciano a utilizzare questi servizi, accadono due cose. In primo luogo, essi riescono a gestire i propri soldi in maniera più efficace, scoprendo nuovi modi per risparmiare, effettuare pagamenti, accedere al credito o stipulare un’assicurazione. In secondo luogo, dovendo sbrigare transazioni finanziarie semplici, sprecano meno tempo e ne dedicano di più a un lavoro produttivo o a gestire una piccola impresa in proprio. Inoltre, i guadagni e i risparmi supplementari aumentano la loro capacità di resistere agli choc finanziari derivanti, ad esempio, da una spesa medica imprevista o dalla perdita del raccolto.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/WikQ7fZ/it;