L’imperativo categorico del clima

CITTA’ DEL CAPOAl giorno d’oggi le persone sono troppo spesso obbligate a scegliere tra il fare ciò che è giusto moralmente e ciò che è vantaggioso economicamente. Non c’è dubbio che a volte le opzioni disponibili sembrano escludersi a vicenda, rendendo il processo decisionale estremamente difficile. Tuttavia a volte la rettitudine morale e gli interessi economici coincidono e offrono un’opportunità da non perdere. Si tratta del caso della risposta globale al cambiamento climatico, almeno secondo la nostra prospettiva di Arcivescovo ed ex Ministro delle finanze.

L’imperativo morale è indiscutibile dato che gli effetti del cambiamento climatico (tra cui condizioni atmosferiche estreme, cambi di temperatura e aumento dei livelli del mare) sono fortemente sentiti dai poveri a livello globale che non beneficiano quasi per niente delle attività economiche  che hanno causato questo cambiamento climatico. Inoltre, il cambiamento climatico potrebbe addirittura accelerare la povertà e la disuguaglianza in futuro. Il che significa che se non si affronta questa sfida nei tempi giusti, il cambiamento climatico finirà per ridurre (o persino eliminare) le possibilità delle generazioni future di raggiungere gli obiettivi di sviluppo. Impiegare ogni sforzo possible per minimizzare gli effetti del cambiamento climatico è semplicemente la cosa giusta da fare.

Fortunatamente, anche i vantaggi economici derivanti dal contrasto al cambiamento climatico sono ben evidenti. Dopo tutto, il cambiamento climatico comporta dei costi economici esorbitanti, come ad esempio quelli legati ad una maggiore frequenza di eventi atmosferici estremi. Inoltre, creare un’economia “verde” fondata su un processo continuo di innovazione tecnologica è il modo più intelligente ed efficiente di creare nuovi motori per la crescita sostenibile e nuovi posti di lavoro per la nuova generazione.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/S8nqsRl/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.