gopal1_Jonas GratzerLightRocket via Getty Images_india solar power Jonas Gratzer/LightRocket via Getty Images

La Legge di Wright Può Risistemare il Clima

OAKLAND – Gli Stati Uniti, paese secondo al mondo per emissioni di gas serra, sono fondamentali per preservare un pianeta vivibile. E con il recente Inflation Reduction Act – che stanzia centinaia di miliardi di dollari per la decarbonizzazione – l'America ha rafforzato la sua credibilità giusto in tempo per la Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (COP27) in Egitto.

L'America è ora ben posizionata per raggiungere il suo obiettivo di dimezzare le proprie emissioni entro il 2030, rispetto ai livelli del 2005. Mentre le disposizioni dell'IRA potrebbero ridurre le emissioni statunitensi fino al 43% entro il 2030, il deficit residuo può essere coperto dalle nuove regole dell'Agenzia per la Protezione Ambientale e da un'azione statale più forte del tipo che abbiamo visto quest'anno in California.

Ma mentre l'IRA è un risultato storico di per sé, i suoi maggiori benefici arriveranno sotto forma di effetti di ricaduta economica globale. Come le politiche “Fit for 55” dell'Unione Europea, l'IRA guiderà il dispiegamento di impianti solari, eolici e a batterie, riducendo così per tutti i costi di queste tecnologie pulite. In definitiva, tutti i paesi pagheranno molto meno per ridurre le proprie emissioni alla velocità e alla scala necessarie per tenere sotto controllo il cambiamento climatico.

A dire il vero, gli Stati Uniti devono ancora portare a termine gli altri loro impegni sul clima, non ultimo fornendo gli 11,4 miliardi di dollari all’anno (una somma irrisoria rispetto ad altre spese statunitensi) che hanno promesso per finanziare il processo di mitigazione ed adattamento nel sud del mondo. Diversamente da quanto ci si aspetterebbe, tuttavia, i massicci investimenti interni in tecnologie pulite da parte di Stati Uniti e UE sono molto più preziosi dei loro finanziamenti diretti, a causa di un fenomeno poco conosciuto noto come la legge di Wright.

Così chiamata dal nome dell'ingegnere statunitense che l’ha notata per la prima volta negli anni '30 (Theodore Wright), la legge di Wright prevede che ogni raddoppio cumulativo della produzione globale di una tecnologia ridurrà il suo costo di una percentuale costante. E come conferma una recente ricerca dell'Università di Oxford, i costi di solare, eolico, batterie ed elettrolizzatori sono diminuiti drasticamente con l'aumento della loro produzione globale.

Ma ancora più significativamente, i ricercatori hanno scoperto che la legge di Wright è valida anche dopo che una tecnologia innovativa ha raggiunto livelli elevati di maturità di mercato. Ciò significa che l'investimento di 370 miliardi di dollari dell'IRA nella produzione di energia pulita potrebbe innescare riduzioni dei costi ancora più rapide per le tecnologie necessarie alla risoluzione della crisi climatica, offrendo una migliore qualità della vita a miliardi di persone.

Investing in Health for All

Investing in Health for All

GettyImages-959020748

PS Events: Investing in Health for All 

Register now for our next virtual event, Investing in Health for All, organized by the European Investment Bank and World Health Organization, where global experts will consider what lessons the COVID-19 pandemic and other recent crises offer for confronting public health challenges in the years ahead.

REGISTER NOW

Ad esempio, la nostra modellizazione presso Energy Innovation dimostra che questi investimenti governativi potrebbero aggiungere 1.053 gigawatt di nuova energia eolica e solare alla rete degli Stati Uniti, rendendola pulita all'85% in soli otto anni. Allo stesso modo, i nuovi crediti d'imposta sui veicoli elettrici (EV) previsti dalla legge potrebbero garantire che circa un terzo di tutte le nuove autovetture ed i nuovi autocarri pesanti venduti negli Stati Uniti siano elettrici entro il 2030. Gli incentivi IRA dovrebbero anche aggiungere cinque gigawatt di capacità da elettrolizzatori per produrre idrogeno a zero emissioni di carbonio, che sarà fondamentale per ridurre le emissioni nell'industria chimica e nell'aviazione.

Inoltre, gli investimenti pubblici dell'IRA sbloccheranno una quantità di capitale privato molto più alta. Si aggiungano gli investimenti dell'Europa e la spinta massiccia della Cina verso l’energia pulita ed i veicoli elettrici, e la diffusione annuale di tecnologie pulite innovative è pronta ad esplodere.

Oltre a ridurre le emissioni nelle economie più grandi ed inquinanti del mondo, la crescita esponenziale delle tecnologie pulite renderà notevolmente più conveniente per il resto del mondo trasformare i propri sistemi energetici. In effetti, abbiamo già visto manifestarsi questa dinamica. Gli investimenti ecologici in Germania e California all'inizio dell'ultimo decennio hanno contribuito a ridurre i costi del solare dell’85% e dell'eolico del 56% tra il 2010 e il 2020. Allo stesso modo, dal 2010 la domanda di veicoli elettrici in Cina ha contribuito a ridurre i costi delle batterie dell’89%.

Da parte sua, l'India ha capitalizzato questi costi in calo progettando aste di energia intelligenti che si traducono nei prezzi dell'energia solare su scala industriale più bassi al mondo. Con l'accelerazione della diminuzione dei costi, i paesi del Sud del mondo saranno in grado di sfruttare i vantaggi della legge di Wright attraverso politiche coraggiose per decarbonizzare auto, raffreddamento ed elettricità.

La modellizzazione di Energy Innovation dimostra consistemente che politiche ambiziose in materia di energia pulita espandono le economie e creano posti di lavoro, migliorando al contempo la qualità dell'aria. Anche prima dell'IRA, la ricerca ha scoperto che l'India potrebbe risparmiare più di 60 trilioni di rupie (752 miliardi di dollari) entro il 2050 se adottasse politiche di alta decarbonizzazione.

A tal fine, gli standard di prestazione – che richiedono una quota minima crescente di energia pulita e di veicoli elettrici ogni anno – sono strumenti particolarmente potenti. Nei paesi a basso e medio reddito possono sfruttare elegantemente gli investimenti di Stati Uniti e UE senza costi per il governo al di là di quelli per l’attuazione, e possono impedire che un paese divenga una discarica per veicoli e attrezzature inquinanti.

Comprendere la legge di Wright può aiutare a riformulare il dialogo nord-sud alla COP27. Gli investimenti interni dei paesi più ricchi ridurranno i costi per i paesi in via di sviluppo e estenderanno ulteriormente i finanziamenti internazionali. Meno costosa diventa l'azione per il clima, maggiori sono le nostre possibilità di mantenere la stabilità climatica.

https://prosyn.org/GtV42Kzit