Dave & Les Jacobs/Getty Images

Non c’è spazio per il fondamentalismo commerciale

CAMBRIDGE – “Una delle sfide cruciali” della nostra epoca “è mantenere in vita un sistema commerciale internazionale aperto e in continua espansione”. Purtroppo, “i principi liberali” del sistema commerciale internazionale “sono sempre più sotto attacco”, “oggigiorno c’è una crescente tendenza al protezionismo” ed “esiste un forte rischio che il sistema possa deteriorarsi… o degenerare in una triste replica degli anni trenta del secolo scorso”.

Se pensate che queste parole siano tratte da uno degli articoli di sfogo apparsi di recente sui media economici e finanziari a proposito dell’attuale reazione antiglobalizzazione, sarete perdonati. In realtà, sono state scritte trentacinque anni fa, precisamente nel 1981.

All’epoca, il problema riguardava la stagflazione nei paesi avanzati, ed era il Giappone, non la Cina, lo spauracchio commerciale che incombeva sui mercati globali facendola da padrone. Gli Stati Uniti e l’Europa avevano reagito innalzando barriere commerciali e imponendo le cosiddette “restrizioni volontarie delle esportazioni” (VER) sulle automobili e l’acciaio giapponesi. Parlare dell’insidiosa avanzata di un “nuovo protezionismo” era diventato uno sport diffuso.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/pwKBQKE/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.