L’evoluzione dell’istruzione in Europa

DUBLINO – L’Europa sta affrontando una serie di sfide importanti e troppo grandi da poter essere gestite da un singolo paese. Per affrontare la crisi economica, la disoccupazione diffusa e la crescente competizione da parte dei paesi in via di sviluppo, l’Europa deve mettersi al passo con il progresso tecnologico e individuare nuovi modi di lavorare. Tutto ciò mentre la popolazione sempre più anziana mette a dura prova i budget statali già di per sé in difficoltà. In questo contesto decisamente fragile, l’Unione europea dovrebbe focalizzarsi sull’istruzione per sostenere lo sviluppo del talento e del potenziale dei cittadini e incoraggiare in tal modo la ripresa sociale.

L’istruzione è la chiave non solo per garantire dei lavori migliori ed una crescita del PIL più solida, ma anche per lo sviluppo culturale, politico e sociale necessario ad assicurare ai cittadini una formazione completa e solide basi per occupare posizioni di leadership a livello locale, nazionale ed internazionale. Focalizzandosi sulle politiche giuste, i leader UE possono garantire che l’istruzione dei cittadini europei permetta loro di diventare cittadini globali e potenziali attori economici.

La buona notizia è che i leader europei sembrano riconoscere il valore della conoscenza. Nella fase di stanziamento dei fondi per il budget europeo 2014-2020, i governi UE hanno deciso saggiamente di aumentare i fondi per l’istruzione e la ricerca, e lo hanno effettivamente fatto. L’impegno a tutelare i fondi per l’istruzione e la ricerca si dovrebbe riflettere a tutti i livelli nelle varie politiche.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/59Sp7N1/it;