Skip to main content

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated Cookie policy, Privacy policy and Terms & Conditions

spence120_IvanAbreuSOPAImagesLightRocketviaGettyImages_womanprotestposters Ivan Abreu/SOPA Images/LightRocket via Getty Images

Hong Kong in bilico

MILANO – Hong Kong gioca da tempo un ruolo fondamentale nello sviluppo economico globale e asiatico. Ma il suo futuro come principale centro nevralgico per il business e la finanza globale è in grave pericolo, così come il suo ruolo di ponte tra la Cina continentale e il mondo esterno. Hong Kong è da tempo un luogo dove le società globali sono benvenute, e le controversie sono sottoposte a giudizio in modo imparziale, trasparente e secondo il principio di legalità. Se non sarà più così, ciò rappresenterà una tremenda perdita per la Cina, l’Asia e per il business e la finanza globale, soprattutto per i cittadini di Hong Kong.

Hong Kong ha vissuto 17 settimane senza precedenti di manifestazioni perlopiù pacifiche (episodi occasionali di violenza hanno attirato una sproporzionata attenzione dei media). All’origine di queste reazioni c’è stata la proposta di una legge anti-estrazione che, molti temevano, avrebbe esteso la mano della Cina continentale nel sistema giudiziario di Hong Kong. L’assenza di qualsiasi piano per portare insieme vari gruppi di protesta e il governo di Hong Kong è diventata fonte di crescente preoccupazione.

Bisognerebbe invece agire almeno su due fronti. Il primo: tutte le parti (compreso il governo centrale cinese in questo caso) devono tornare a impegnarsi per far funzionare il principio “un paese, due sistemi”. Il secondo, e forse il più importante: una coalizione di rappresentanti del governo, dell’impresa e della comunità finanziaria di spicco di Hong Kong dovrebbe sviluppare un programma aggressivo per contrastare la crescente disuguaglianza e la scomparsa di opportunità per coloro che già faticano a sbarcare il lunario. Particolarmente urgente è anche la fornitura di alloggi a prezzi ragionevoli per i cittadini più giovani.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

https://prosyn.org/aSkzawvit;
  1. pisaniferry106_Mark WilsonGetty Images_phase one agreement trump china  Mark Wilson/Getty Images

    Explaining the Triumph of Trump’s Economic Recklessness

    Jean Pisani-Ferry

    The Trump administration’s economic policy is a strange cocktail: one part populist trade protectionism and industrial interventionism; one part classic Republican tax cuts skewed to the rich and industry-friendly deregulation; and one part Keynesian fiscal and monetary stimulus. But it's the Keynesian part that delivers the kick.

    4
  2. yu49_ShengJiapengChinaNewsServiceVCGviaGettyImages_G20trumpjinpingshakehands Sheng Jiapeng/China News Service/VCG via Getty Images

    PS Say More: Keyu Jin

    Keyu Jin assesses the “phase one” US-China trade deal, questions whether the US can ever accept China’s development model, and highlights a key difference in how the Hong Kong protests are viewed inside and outside China.
    0