Spencer Platt/Getty Images

Il costo dell’eccessiva pubblicizzazione della globalizzazione

BRUSSELS – Mentre l’elite finanziaria del mondo si incontra a Washington, DC, per le riunioni annuali del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale, le due istituzioni non possono sfuggire ancora a un altro appello per invertire il regresso della globalizzazione. Il commercio vacillante, si presume, deve essere un trend negativo che deve essere affrontato. Ma la supposizione è semplicistica, al massimo.

Il problema risiede nella mancanza di comprensione di ciò che ha spinto la crescita del commercio nel corso degli ultimi decenni. A dire il vero, ci sono stati sforzi per cogliere l'attuale rallentamento. L’ultimo World Economic Outlook del Fondo monetario internazionale dedica un intero capitolo ad esso.

Ma nessuna nuova significativa barriera al commercio è stata identificata. Al contrario, l’Fmi dichiara, circa tre quarti del rallentamento della crescita del commercio è il risultato della "debolezza generale dell'attività economica", in particolare gli investimenti. Il Fondo sostiene anche che "il ritmo calante della liberalizzazione del commercio e il recente incremento del protezionismo" hanno giocato un ruolo, anche se non è quantificabile.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/wbMk3MQ/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.