Skip to main content

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated Cookie policy, Privacy policy and Terms & Conditions

prasad13_AdamGaultgettyimages_mapdescendinggraph Adam Gault/Getty Images

La stagnazione sincronizzata si può fermare?

ITHACA, NY – Il rallentamento dell’economia mondiale si sta trasformando in una stagnazione sincronizzata, laddove alcune delle economie più grandi crescono solo debolmente, mentre altre non crescono affatto, o addirittura registrano una lieve flessione. Almeno per il momento, i timori di una recessione imminente a livello globale sembrano prematuri. Tuttavia, essendo poco propensi a promuovere riforme radicali e avendo poco margine per uno stimolo macroeconomico efficace, i policy maker sembrano a corto di soluzioni per rilanciare la crescita.  

Le radici del rallentamento sono facilmente individuabili. Tensioni commerciali persistenti, instabilità politica, rischi di natura geopolitica e timori circa l’efficacia limitata dello stimolo monetario continuano a erodere la fiducia di aziende e consumatori, frenando gli investimenti e la crescita della produttività. Anche i flussi commerciali internazionali ne hanno risentito in modo diretto. Di recente, l’Organizzazione mondiale per il commercio ha ridimensionato le previsioni di crescita del commercio globale per il 2019 dal 2,6% ad appena l’1,2%. Inoltre, il Baltic Dry Index, un indice molto seguito basato sull’andamento dei costi del trasporto marittimo delle materie prime, è passato da un quasi raddoppio nei primi otto mesi dell’anno a un calo del 30% circa, annullando così le speranze di una ripresa del commercio.    

Nel frattempo, l’incertezza che si respira a livello internazionale ha mantenuto il dollaro statunitense forte rispetto a gran parte delle altre valute principali. Pur avendo allentato un po’ la pressione sulle economie non statunitensi che dipendono dalle esportazioni o dai capitali stranieri, l’apprezzamento del biglietto verde ha incrementato il rischio di una guerra valutaria aperta.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

https://prosyn.org/ATORfrjit;
  1. solana114_FADEL SENNAAFP via Getty Images_libyaprotestflag Fadel Senna/AFP via Getty Images

    Relieving Libya’s Agony

    Javier Solana

    The credibility of all external actors in the Libyan conflict is now at stake. The main domestic players will lower their maximalist pretensions only when their foreign supporters do the same, ending hypocrisy once and for all and making a sincere effort to find room for consensus.

    3

Edit Newsletter Preferences