children playing Anadolu Agency/Getty Images

Finanziare la sanità e l’istruzione per tutti

NEW YORK – Nel 2015 all’incirca 5,9 milioni di bambini sotto i cinque anni, quasi tutti nei paesi in via di sviluppo, sono morti per cause facilmente prevenibili o trattabili. E, secondo una recente stima, 200 milioni di bambini e adolescenti non frequentano la scuola primaria o secondaria, a causa della povertà, inclusi 110 milioni nella secondaria di primo grado. In entrambi i casi, si potrebbe metter fine a questa massiccia sofferenza con una modesta somma di finanziamenti globali.

I bambini nei paesi poveri muoiono per cause, come il parto in ambienti non sicuri, malattie prevenibili con vaccini, infezioni come la malaria per cui esistono trattamenti a basso costo, e deficienze nutrizionali, che sono state quasi totalmente eliminate nei paesi ricchi. In un mondo morale metteremmo il nostro massimo impegno per porre fine a queste morti.

Di fatto, gli sforzi profusi dal mondo sono stati timidi. Il numero di decessi infantili è sceso leggermente sotto la metà dei 12,7 milioni registrati nel 1990, grazie a finanziamenti mondiali aggiuntivi per il controllo delle malattie, incanalati attraverso nuove istituzioni come il Global Fund per la lotta contro Aids, tubercolosi e malaria.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

Log in

http://prosyn.org/6LnGJxZ/it;