Le future tecnologie del nuovo secolo

DAVOS – Quest’anno il meeting del Forum Economico Mondiale di Davos, in Svizzera, esamina il tema delle minacce alla stabilità geopolitica e alla vita umana e intende accelerare la progettazione di strumenti politici, economici e tecnologici più efficienti per far fronte a tali minacce. Tra le sfide più ardue di questa generazione vi sono il cibo, l’acqua e la mancanza di energia; i cambiamenti climatici e l’innalzamento del livello dei mari; la diffusione di nuove malattie resistenti ai farmaci.

L’umanità ha già affrontato le minacce alla sua esistenza e alla salute del pianeta, eppure siamo riusciti a evitare l’apocalisse, o almeno a rimandarla, grazie a un po’ di ingenuità e di ingegno. Il meeting di quest’anno di Davos analizzerà la provenienza dei prodotti e delle scoperte a salvaguardia della vita, del pianeta e dell’economia e fornirà delle indicazioni su dove dovremmo investire i nostri talenti e i nostri soldi per promuovere la futura generazione di tecnologie trasformative.

Una convergenza sempre più crescente di scienze biologiche, fisiche e ingegneristiche pone le basi per una stupefacente varietà di nuove soluzioni tecnologiche. Immaginiamo un impianto energetico alimentato a carbone che emette solo acqua e aria pulita. All’interno dell’impianto, le cellule di lievito artificiali trasformano il diossido di carbonio rilasciato durante la combustione del carbone in materiali grezzi utilizzati per mattonelle e altri materiali da costruzione.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/xvQi2yP/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.