Skip to main content

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated Cookie policy, Privacy policy and Terms & Conditions

acemoglu12_FABRICE COFFRINIAFP via Getty Images_climateprotestgirlstudent Fabrice Coffrini/AFP/Getty Images

Hanno ragione i ragazzi del clima?

CAMBRIDGE – L’aumento delle emissioni di gas serra nell’atmosfera ha determinato, nell’ultimo secolo, un innalzamento delle temperature medie della superficie terrestre pari a quasi 1°C. La comunità scientifica non ha dubbi che tali cambiamenti siano una diretta conseguenza dell’attività umana. Eppure, l’ipotesi di riuscire a ridurre le emissioni di gas serra in maniera tale da arrestare e, quindi, invertire la tendenza del riscaldamento globale appare sempre più improbabile. 

I costi del mancato raggiungimento di questo obiettivo – l’innalzamento del livello dei mari, le migrazioni di massa, una maggior frequenza dei fenomeni climatici estremi e la diffusione di nuove malattie infettive – saranno catastrofici, anche senza considerare i “rischi di coda”, di fatto apocalittici, identificati da Martin Weitzman, economista dell’università di Harvard scomparso di recente. Molti di questi costi sono destinati a ricadere sui giovani di oggi.     

Detto questo, lo “sciopero della scuola per il clima”, un movimento internazionale di studenti e giovani attivisti, può essere la soluzione? La risposta è sì e no. Il mondo, in particolare gli Stati Uniti, ha bisogno di essere scosso. Il nostro falso senso di comfort, rafforzato da narrazioni ingannevoli che parlano di geoingegneria e altre soluzioni ottimali, va scrollato. Fornire risposte energiche a sfide collettive imponenti ha sempre richiesto un impegno sostenuto da parte dei cittadini e della società civile.   

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

https://prosyn.org/JrStU7Nit;

Edit Newsletter Preferences