rudd17 Getty Images

Bisogna evitare la corsa sino-americana alle armi nucleari

NEW YORK – I test recentemente segnalati dalla Cina di un missile ipersonico con capacità nucleare nel luglio e nell’agosto 2021, sebbene ufficialmente negati, rischiano di minare la stabilità nucleare strategica. E si vanno ad aggiungere all’escalation di tensioni tra Stati Uniti e Cina.

Per tutta l’estate, le immagini satellitari hanno rivelato che la Cina stava costruendo 300 nuovi silos missilistici nei suoi deserti settentrionali. È probabile che alcuni di questi silos vengano utilizzati semplicemente come esche vuote. Ma se anche la metà fossero siti per missili nucleari, sarebbe quasi il triplo dell’arsenale nucleare cinese.

A seguito di queste rivelazioni, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha avvertito in ottobre che “il rapido accumulo dell’arsenale nucleare della Repubblica popolare cinese è preoccupante e minaccia la sicurezza e la stabilità internazionale… Incoraggiamo Pechino a impegnarsi con noi per trovare misure pratiche volte a ridurre i rischi di destabilizzazione della corsa agli armamenti e dei conflitti”. Ma l’ambasciatore cinese per il disarmo, Li Song, ha ribattuto lo stesso giorno, descrivendo il nuovo patto degli Stati Uniti con l’Australia e il Regno Unito (AUKUS) per aiutare l’Australia ad acquisire sottomarini nucleari come un “caso da manuale” di proliferazione nucleare che stimola la corsa agli armamenti nella regione.

To continue reading, register now.

Subscribe now for unlimited access to everything PS has to offer.

Subscribe

As a registered user, you can enjoy more PS content every month – for free.

Register

https://prosyn.org/82ONcofit