The assembly line at Ford Bill Pugliano/Getty Images

Dove sta andando il sistema commerciale multilaterale?

BRUSSELS – Il libero scambio sembra avere pochi sostenitori in questi giorni. Anche se i volumi di scambi effettivi si stanno riprendendo dalla recessione post-crisi e dal calo dei prezzi delle materie prime, la "globalizzazione" è diventata sempre più controversa, come dimostrato dall'elezione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sulla scia di una promessa di strappare gli accordi internazionali e diventare duro con i partner commerciali. Cosa significa questo per il futuro del sistema commerciale basato sulle regole?

Circa 60 anni fa, quando è stato concepito il sistema commerciale basato sulle regole attuali, gli Stati Uniti erano l'unica "iperpotenza" economica del mondo, con una predominanza indiscussa nelle industrie manifatturiere più avanzate del momento. Con un potere sufficiente per imporre regole e un dominio sufficiente per poter contare sull’accumulo della maggior parte dei benefici, potrebbe - e lo ha fatto - svolgere il ruolo di "egemone generoso".

Mentre il Giappone e l'Europa si riprendevano dalla seconda guerra mondiale, con quest’ultima che ha ottenuto un’ulteriore spinta dall'integrazione economica, il vantaggio dell'America cominciò a diminuire, e negli anni '70 e '80 gli Stati Uniti condividevano il potere sul commercio mondiale con l'Europa. Tuttavia, poiché gli Usa e l'Europa condividono così tanti interessi comuni hanno aderito a un approccio cooperativo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/hm98BeK/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.