Adek Berry/AFP/Getty Images

L’ Incombente Decisione sul Debito Statunitense

BOGOTÁ – Il governo degli Stati Uniti dovrebbe bloccare gli attuali oneri finanziari molto bassi mediante l’emissione di debito a lungo termine? È una scelta difficile, ma con i livelli complessivi di debito già elevati (per non parlare delle passività scoperte di previdenza e assicurazione sanitaria, destinate ad aumentare) forse è giunto tale momento.

Finora, il Tesoro americano e il Federal Reserve Board, che agiscono in combinazione, hanno operato per mantenere basso il debito pubblico a lungo termine, al fine di ridurre i tassi di interesse per il settore privato. Infatti, a questo punto, la durata media del debito degli Stati Uniti (che integra il bilancio della Fed) è oggi inferiore ai tre anni, ben al di sotto di quello della maggior parte dei paesi europei, anche tenendo conto dei massicci programmi di quantitative-easing (QE) delle proprie banche centrali.

L’inclinazione verso prestiti a breve per cercare di stimolare l’economia ha avuto un senso fino ad oggi. Dato che il tasso di interesse sul debito a 30 anni degli Stati Uniti è di circa 200 punti base superiore a quello del debito ad un anno, l’indebitamento a breve termine ha fatto risparmiare soldi anche al governo.

To continue reading, please log in or enter your email address.

Registration is quick and easy and requires only your email address. If you already have an account with us, please log in. Or subscribe now for unlimited access.

required

Log in

http://prosyn.org/5v4wUXD/it;