The Citigroup center Orjan Ellingvag/Getty Images

Le conseguenze internazionali della riforma fiscale statunitense

CAMBRIDGE – Nei prossimi sei mesi il Congresso degli Stati Uniti potrebbe attuare una riforma fiscale. Anche se le nuove regole saranno applicate solo ai contribuenti americani, esse avranno conseguenze importanti per le società e i mercati in tutto il mondo.

I cambiamenti più significativi si applicheranno alle aziende statunitensi piuttosto che ai singoli contribuenti. Di queste riforme, l’unica ad avere l’impatto internazionale più evidente e diretto sarà il cambiamento della tassazione sulle controllate estere delle società statunitensi.

L’attuale legge vigente negli Usa è unica tra tutte le maggiori economie avanzate. Prendiamo ad esempio una controllata di un’azienda degli Stati Uniti che registra utili in Irlanda. Tale controllata paga l’imposta societaria irlandese a un’aliquota del 12%. È quindi libera di reinvestire l’utile netto in Irlanda in strumenti finanziari o in attività operative ovunque tranne che negli Usa.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To access our archive, please log in or register now and read two articles from our archive every month for free. For unlimited access to our archive, as well as to the unrivaled analysis of PS On Point, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/tJkMhtM/it;

Handpicked to read next

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.