Lottare contro la malaria

LONDRA – Lo tsunami in Giappone, il terremoto ad Haiti e l’uragano Katrina sono alcuni dei recenti disastri naturali scoppiati nel mondo. Le feroci devastazioni hanno causato la morte di migliaia di persone, distrutto le infrastrutture vitali e paralizzato le economie. Le comunità colpite non potevano essere così diverse tra loro, eppure le somiglianze delle reazioni sono impressionanti. La mobilitazione a livello internazionale ha dimostrato di cosa sia capace l’umanità al meglio delle proprie forze.

Se, da un lato, il sostegno internazionale in tempi di crisi indica una risposta morale apparentemente innata alla sofferenza altrui, dall’altro sottolinea con chiarezza inquietante quanto sia difficile evocare lo stesso livello di empatia quando la crisi è cronica e non improvvisa, inaspettata e drammatica.

Una delle più devastanti piaghe dell’umanità è la malaria, che uccide oltre 800mila persone ogni anno, soprattutto bambini africani. Secondo la Roll Back Malaria Partnership, ogni giorno muoiono di malaria 2mila bambini. Eppure, diversamente dai postumi di un disastro naturale, non vi sono fotografie in grado di catturare l’entità di questa tragedia. La perdita di vite umane è altrettanto devastante, ma senza l’assalto di immagini spaventose è di gran lunga più semplice diventare indifferenti alle vittime della malaria.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/jGjUycD/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.