Skip to main content
us automotive workers Scott Olson/Getty Images

La scelta della sinistra

CAMBRIDGE – Bisogna riconoscere che i principali beneficiari politici delle fratture sociali ed economiche causate dalla globalizzazione e dal cambiamento tecnologico sono stati sinora i populisti di destra. Politici come Donald Trump negli Stati Uniti, Viktor Orbán in Ungheria e Jair Bolsonaro in Brasile hanno cavalcato il potere facendo leva sulla crescente ostilità nei confronti delle élite politiche preesistenti e sfruttando il latente sentimento nazionalista.

I gruppi progressisti di sinistra da tempo risultano dispersi. La relativa debolezza della sinistra in parte riflette il declino dei sindacati e dei gruppi di lavoro organizzati, che storicamente formavano la colonna portante dei movimenti socialisti e di sinistra. Anche l’abdicazione ideologica ha però giocato un ruolo importante. Mentre i partiti di sinistra diventavano più dipendenti dalle élite istruite invece che dalla classe operaia, le loro idee politiche andavano via via allineandosi sempre più agli interessi finanziari e imprenditoriali.

I rimedi offerti dai principali partiti di sinistra erano relativamente limitati: più spesa in istruzione, maggiori politiche socioassistenziali, una tassazione leggermente più progressista e poco altro ancora. Il programma di sinistra puntava più a indorare la pillola del sistema prevalente che affrontare le fonti principali di iniquità economiche, sociali e politiche.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

https://prosyn.org/IDkf4Nm/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.