La fame nascosta dell’Africa

DAR ES SALAAM – Sono passati solo vent’anni da quando il fotografo sudafricano Kevin Carter scioccò il mondo con una controversa fotografia di un bambino sudanese denutrito seguito a vista da un avvoltoio durante un periodo di carestia. I detrattori hanno severamente criticato lo scatto definendolo un “disaster porn”, un altro esempio dell’eccessiva risonanza dei media internazionali rispetto ai problemi africani.

Ma ciò che più mi disturba non è il fotografo, quanto il fatto che, a distanza di due decenni, le condizioni rilevate dalla fotografia siano rimaste fondamentalmente le stesse. Ogni anno, 3,1 milioni di bambini in tutto il mondo muoiono ancora di fame.

In quanto medico africano, so che i danni associati alla malnutrizione grave e alla fame non sono sempre visibili. Non sono sempre evidenti come le costole sporgenti di bambini spettrali collegati a flebo, come mi capitava di vedere negli ospedali in Tanzania. La malnutrizione cronica, o “fame nascosta”, si palesa in altri modi – ma è altrettanto devastante e mortale. E mentre i decessi per tante altre malattie, inclusa la malnutrizione acuta, sono diminuiti, la fame nascosta resta pervasiva.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles from our archive every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you agree to our Terms of Service and Privacy Policy, which describes the personal data we collect and how we use it.

Log in

http://prosyn.org/gzSyfVK/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.