Child covering his eyes.

Fermare le malattie che uccidono i bambini

SEATTLE – In molti, fin troppi, luoghi del mondo le malattie che mietono più vittime tra i bambini sono provocate da organismi microscopici, cioè virus, batteri e parassiti unicellulari che causano diarrea e polmonite. Considerati gli enormi progressi realizzati nel campo della salute pubblica – entrambe le patologie si possono ormai prevenire e curare – questo fatto è ingiustificabile. È fondamentale che tutti i bambini, soprattutto quelli più vulnerabili, abbiano accesso a servizi sanitari in grado di salvare loro la vita.    

Secondo l’Unicef, la polmonite e la diarrea uccidono un quarto dei 5,9 milioni di bambini sotto i cinque anni che muoiono ogni anno. Inoltre, un nuovo rapporto dell’International Vaccine Access Center mostra che quasi tre quarti dei decessi per polmonite e diarrea avvengono in appena quindici paesi. In questi paesi e altrove, l’incidenza dei decessi è più elevata nelle comunità più povere ed emarginate. 

Sebbene le cifre diano un’idea dei progressi compiuti negli ultimi decenni, è tragico constatare che il miglioramento avrebbe potuto essere di gran lunga maggiore se solo i governi non avessero puntualmente ceduto alla tentazione di concentrarsi su uno o due interventi alla volta soltanto. Per porre fine una volta per tutte alle morti infantili causate da queste malattie, i governi devono impegnarsi a mettere in atto simultaneamente l’intera gamma di interventi individuati due anni fa dall’Organizzazione mondiale della sanità e dall’Unicef e descritti nel Piano d’azione globale contro la polmonite e la diarrea

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/eHnkj0a/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.