34

Donald Trump e il nuovo ordine economico

HONG KONG – Dalla fine della seconda guerra mondiale, la gerarchia delle priorità economiche è stata relativamente chiara. In cima c’era la creazione di un'economia globale orientata al mercato aperto, innovativo e dinamico, in cui tutti i paesi possono (prima di tutto) prosperare e crescere. Venendo al secondo - si potrebbe anche dire un secondo distante – c’era la generazione di modelli di crescita nazionale vigorosa, sostenibile e inclusiva. Niente di più.

In effetti, una inversione sembra essere in atto. Il raggiungimento di una forte crescita inclusiva a livello nazionale per rianimare una classe media in declino, rilanciare i redditi stagnanti e ridurre la disoccupazione giovanile sta ora avendo la precedenza. Gli accordi internazionali reciprocamente vantaggiosi che regolano i flussi di merci, capitali, tecnologie e persone (i quattro flussi chiave dell'economia globale) sono appropriati solo quando rafforzano - o, almeno, non minano – i progressi fatti per soddisfare la principale priorità.

 1972 Hoover Dam

Trump and the End of the West?

As the US president-elect fills his administration, the direction of American policy is coming into focus. Project Syndicate contributors interpret what’s on the horizon.

Questa inversione è diventata evidente nel mese di giugno, quando i britannici - compresi coloro che beneficiano in modo significativo del sistema economico e finanziario aperto esistente - hanno votato per lasciare l'Unione europea, in base a ciò che si potrebbe chiamare il principio della sovranità. Le istituzioni dell'Ue sono state percepite come qualcosa che stava minando la capacità della Gran Bretagna di aumentare la propria economia, regolare l'immigrazione e controllare il suo destino.

Un punto di vista simile ha animato movimenti politici nazionalisti e populisti in tutta Europa, molti dei quali ritengono che gli accordi sovranazionali dovrebbero giungere dopo la prosperità nazionale. L'Unione europea - che in realtà, nella sua attuale configurazione, lascia i governi membri a corto di strumenti politici volti a soddisfare le esigenze in continua evoluzione dei propri cittadini - è un obiettivo facile.

Ma anche senza questi accordi istituzionali, vi è l’impressione che dare risalto ai mercati e ai rapporti internazionali può ostacolare la capacità di un paese di far avanzare i propri interessi. La vittoria di Donald Trump alle elezioni presidenziali degli Stati Uniti lo ha reso abbondantemente chiaro.

In linea con lo slogan principale della campagna di Trump, "rendere l'America di nuovo grande", sono stati i suoi commenti sulla’"America prima di tutto" a essere rivelatori. Mentre Trump potrebbe perseguire gli accordi bilaterali reciprocamente vantaggiosi, ci si può aspettare che saranno subordinati a priorità nazionali, in particolare gli obiettivi distributivi, e supportati solo nella misura in cui siano coerenti con queste priorità.

La frustrazione degli elettori dei paesi sviluppati con la vecchia architettura economica globale guidata dal mercato, non è infondata. Quell’ordine ha permesso a forze potenti, a volte al di fuori del controllo di funzionari e politici eletti, di dare forma alle economie nazionali. Può essere vero che alcune elite di quell’ordine scelgono di ignorare le avverse conseguenze distributive e occupazionali del vecchio ordine, mentre raccolgono i frutti. Ma è anche vero che il vecchio ordine, considerato come sacrosanto, ha ostacolato la capacità delle elite di affrontare questi problemi, anche se ci hanno provato.

Non è stato sempre così. Sulla scia della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti, motivati in parte dalla guerra fredda, hanno contribuito a creare il vecchio ordine, agevolando la ripresa economica in Occidente e, nel corso del tempo, creando opportunità di crescita per i paesi in via di sviluppo. Per 30 anni o giù di lì, gli aspetti distributivi dei modelli di crescita globali che questi sforzi hanno sostenuto sono stati positivi, sia per i singoli paesi che per il mondo nel suo complesso. Rispetto a tutto ciò che è venuto prima, l'ordine del dopoguerra è stato un vantaggio per l’inclusività.

Ma niente dura per sempre. Come la disuguaglianza tra i paesi è diminuita, la disuguaglianza all'interno dei paesi è aumentata - al punto che l'inversione delle priorità era probabilmente inevitabile. Ora che l'inversione è arrivata, ecco le conseguenze. Anche se è difficile dire esattamente quali saranno, alcune sembrano abbastanza chiare.

Per cominciare, gli Stati Uniti saranno più riluttanti ad assorbire una quota sproporzionata dei costi di fornitura di beni pubblici globali. Mentre altri paesi continueranno un lavoro lasciato a metà, ci sarà un periodo di transizione di durata sconosciuta, durante il quale la fornitura di tali beni potrebbe scendere, potenzialmente minando la stabilità. Ad esempio, i termini di impegno nella NATO sono suscettibili di essere rinegoziati.

Il multilateralismo – a lungo attivato dallo stesso tipo di contributo asimmetrico, anche se di solito proporzionale al reddito e alla ricchezza dei paesi - perderà anche vigore, mentre la tendenza verso gli accordi commerciali e gli investimenti bilaterali e regionali accelera. Trump potrebbe anche essere uno dei principali promotori di questo approccio; infatti, anche gli accordi commerciali regionali possono essere esclusi, come suggerisce la sua opposizione alla ratifica del Partenariato Transpacifico.

Ciò crea un'opportunità per la Cina a guidare la creazione di un patto commerciale per l'Asia - un'opportunità che i leader cinesi sono già intenzionati a cogliere. In concomitanza con la sua strategia "one belt, one road" e la creazione dell’Asian Infrastructure Investment Bank, l'influenza della Cina nella regione si espanderà in modo significativo di conseguenza.

Nel frattempo, per i paesi in via di sviluppo che non hanno la forza economica della Cina, la tendenza ad allontanarsi dal multilateralismo potrebbe danneggiare. Mentre i paesi poveri e meno sviluppati hanno trovato opportunità di crescere e prosperare sotto il vecchio ordine, essi lotteranno per negoziare efficacemente su base bilaterale. La speranza è che il mondo riconoscerà il suo interesse collettivo nel mantenere percorsi di sviluppo aperto per i paesi più poveri, sia a beneficio di questi paesi che per il bene della pace e della sicurezza internazionale.

Al di là del commercio, la tecnologia è un’altra forza potente globale che rischia di essere trattata in modo diverso nel nuovo ordine, diventando soggetta a maggiori regolamentazioni a livello nazionale. Le minacce informatiche richiederanno quasi interamente alcuni regolamenti e interventi di politica in continua evoluzione. Ma altre minacce - per esempio, la notizia falsa che si è diffusa in Occidente (e, in particolare, negli Stati Uniti durante la campagna presidenziale) - possono anche richiedere un approccio più partecipativo. E l'adozione di tecnologie digitali che sostituiscono il lavoro possono anche essere necessarie, in modo che l'aggiustamento strutturale dell'economia possa tenere il passo.

Fake news or real views Learn More

La nuova enfasi sugli interessi nazionali ha chiaramente costi e rischi. Ma può anche portare benefici importanti. Un ordine economico globale situato in cima a una fondazione fatiscente - in termini di supporto democratico e coesione politica e sociale nazionale - non è stabile. Fino a quando le identità delle persone sono per lo più organizzate, come lo sono ora, intorno alla cittadinanza in stati-nazione, un approcio che mette al primo posto il paese può essere la più efficace. Piaccia o no, lo scopriremo.

Traduzione di Rosa Marseglia