Vittoria di Pirro per re carbone

BRUXELLES – A volte, la notizia più importante nasce dall’assenza di fatti. Gli eventi di quest’estate ne sono un chiaro esempio: il decreto sul cambiamento climatico, sostenuto con veemenza dal Presidente Barack Obama, non arriverà al Senato degli Stati Uniti poiché non ha alcuna probabilità di passare.

Ciò significa che gli Stati Uniti stanno per ripetere l’“esperienza Kyoto”. Vent’anni fa, nel 1990, avevano preso parte (per lo meno nella fase iniziale) alle prime trattative a livello globale finalizzate al raggiungimento di un accordo globale per la riduzione delle emissioni di CO2. Dato che al tempo l’Unione Europea e gli Stati Uniti risultavano essere i più grandi emissori, era sembrato giusto esonerare da qualsiasi impegno le economie emergenti a livello mondiale. Nel tempo, è diventato evidente che gli Stati Uniti non sarebbero riusciti a mantenere fede agli impegni presi a causa dell’opposizione del Senato, proprio come adesso. L’UE ha quindi proseguito da sola introducendo un innovativo sistema europeo di scambio delle emissioni (European Emission Trading System) nella speranza di diventare un modello di leadership.

Senza il pacchetto americano sul cambiamento climatico, le promesse fatte dall’amministrazione statunitense solo 7 mesi fa, durante il vertice di Copenaghen, non hanno più valore. La strategia europea è ridotta a brandelli, e non solo sul fronte transatlantico.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To continue reading, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/QNQHKiz/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.