Getty Images

Come proteggere i lavoratori senza le tariffe commerciali

NEW HAVEN –  Secondo un sondaggio degli americani pubblicato dalla Washington Post/Schar School l'11 luglio, solo il 39% degli intervistati ha approvato l'imposizione di dazi doganali da parte del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, mentre il 56% si è opposto. Ma, anche se è una buona notizia che la maggioranza degli americani si oppone al suo presidente su questo tema chiave, Trump sta precipitando le cose, pensando che il pubblico apprezzerà di più le tariffe quando entreranno in vigore.

È un enigma il perché persino il 39% supporta queste politiche. Sin dalla Grande Depressione, dalla Seconda Guerra Mondiale e dall'Accordo Generale sulle tariffe doganali e il commercio del 1947, gli Stati Uniti - sia il suo governo che i suoi cittadini - hanno supportato il libero scambio.

Nel suo libro La ricchezza delle nazioni del 1776, Adam Smith fornì un argomento eloquente e convincente per il libero scambio, invece di un commercio distorto dalle tariffe. Con il libero scambio, l'economia prospera perché beni e servizi provengono dai paesi più produttivi nel crearli.

To continue reading, please log in or enter your email address.

To read this article from our archive, please log in or register now. After entering your email, you'll have access to two free articles every month. For unlimited access to Project Syndicate, subscribe now.

required

By proceeding, you are agreeing to our Terms and Conditions.

Log in

http://prosyn.org/ifOPCdj/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.