Skip to main content
migration Spencer Platt/Getty Images

Leggende sulla migrazione vs. fatti economici

WASHINGTON, DC – Il 19 dicembre 2018 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha dato il via libera al Patto globale per una migrazione sicura, ordinata e regolata (Global Compact for Safe, Orderly and Regular Migration), con 152 voti a favore, 5 contrari e 12 astenuti. I sostenitori hanno accolto il patto come un passo verso una gestione più umana e ordinata della migrazione, eppure l’opposizione resta forte.

Il Patto non è un trattato giuridicamente vincolante, né garantisce nuovi diritti per i migranti. Di fatto, i 23 obiettivi del Compact sono stati stilati dopo due anni di discussioni inclusive e sei tornate di negoziati, che nello specifico puntano a creare un quadro di cooperazione internazionale che non interferisca eccessivamente negli affari domestici dei paesi.

Date le incomprensioni sul Patto, vale la pena esaminare attentamente la sfida delle migrazioni, e gli ampi vantaggi che un sistema ben gestito può apportare sia ai paesi ospitanti che ai paesi d’origine.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

https://prosyn.org/XIIw9Sa/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated Cookie policy, Privacy policy and Terms & Conditions