Chinese President Xi Jinping visits the power plant central control room during an inspection Xinhua/Xie Huanchi via Getty Images

La Cina e il futuro della democrazia

LONDRA – La Cina diventerà presto la prima potenza economica e geopolitica del mondo? Ha già raggiunto questo status, come suppongono alcuni? E se la risposta a entrambe le domande fosse sì, quali sono le implicazioni globali per il futuro della democrazia?

Gli indicatori dell’ascesa cinese sono chiari. La Cina è destinata a sorpassare gli Stati Uniti in termini di Pil aggregato entro due decenni, anche se prevedere esattamente quando dipende dal tipo di valutazioni sui tassi di crescita delle due economie e dal tasso di cambio utilizzato per convertire il renminbi in dollari. La Cina è già la prima economia commerciale del mondo, e la sua spinta ad internazionalizzare il renminbi si è tradotta in una fetta crescente di quegli scambi commerciali gestiti nella sua valuta, mettendo potenzialmente a rischio la posizione del dollaro come primaria valuta globale.

Inoltre, la Cina sta pompando investimenti esteri nelle economie dell’Africa e dell’Sud asiatico, ottenendo basi militari e altri vantaggi geostrategici in cambio dai suoi partner commerciali fortemente indebitati. La sua iniziativa BRI (Belt and Road Initiative) sta ulteriormente alimentando gli investimenti della Cina verso l’esterno e sta rafforzando i suoi legami economici con paesi di tutto lo spettro eurasiatico.

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

http://prosyn.org/uItFcIL/it;

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated cookie policy and privacy policy.