3

Le Cause Interne Della Crisi Alimentare Indiana

SINGAPORE – Secondo le stime attuali, la popolazione totale dell’India raggiungerà 1,45 miliardi entro il 2028, livello simile alla Cina, e 1,7 miliardi nel 2050, pari a circa l’insieme delle popolazioni attuali di Cina e Stati Uniti. Dato che l’India sta già lottando per sfamare i propri abitanti, la sua attuale crisi alimentare potrebbe peggiorare in modo significativo nei prossimi decenni.

Secondo l’Indice Globale della Fame (GHI) del 2013, l’India si colloca al 63° posto, rispetto ai 78 paesi più affamati del mondo, posizione significativamente peggiore di quella dei vicini Sri Lanka (43°), Nepal (49°), Pakistan (57°), e Bangladesh (58°). Nonostante il notevole miglioramento dell’India nell’ultimo quarto di secolo - il rating GHI è aumentato da 32,6 del 1990 a 21,3 nel 2013 – la Food and Agricultural Organization delle Nazioni Unite ritiene che il 17% degli Indiani sia ancora troppo denutrito per condurre una vita produttiva. In realtà, un quarto delle persone denutrite al mondo vive in India, più che in tutta l’Africa sub-sahariana.

Erdogan

Whither Turkey?

Sinan Ülgen engages the views of Carl Bildt, Dani Rodrik, Marietje Schaake, and others on the future of one of the world’s most strategically important countries in the aftermath of July’s failed coup.

Inoltre, cosa ancora più angosciante, un terzo dei bambini malnutriti del mondo vive in India. Secondo l’UNICEF, i bambini indiani per il 47% sono sottopeso e quelli sotto i tre anni per il 46% sono troppo poco sviluppati rispetto alla loro età. Infatti, quasi la metà di tutte le morti infantili può essere attribuito alla malnutrizione -. uno stato di cose che l’ex primo ministro Manmohan Singh ha definito una “vergogna nazionale”.

Cosa può spiegare l’insicurezza alimentare cronica dell’India? Negli ultimi anni la produzione agricola è andata segnando nuovi record, con un incremento della produzione da 208 milioni di tonnellate nel 2005-2006 a una stima di 263 milioni di tonnellate nel 2013-2014. L’India ha bisogno di 225-230 milioni di tonnellate di cibo all’anno; così, anche tenendo conto del recente aumento della popolazione, è chiaro che la produzione alimentare non è il problema principale.

Il fattore più importante - quello che i politici hanno a lungo ignorato - è che una percentuale elevata del cibo che l’India produce non raggiunge mai i consumatori. Sharad Pawar, un ex ministro dell’agricoltura, ha notato che viene sprecato cibo per un valore di 8,3 miliardi dollari, circa il 40% del valore totale della produzione annua.

Questo non basta a rendere il quadro completo: per esempio, la carne rappresenta circa il 4% del cibo sprecato, ma il 20% dei costi, e d’altra parte viene perso il 70% della produzione di frutta e verdura, che rappresenta il 40% del costo totale. L’India potrebbe essere il più grande produttore di latte del mondo ed essere al secondo posto per la produzione di frutta e verdura (dopo la Cina), ma è anche il più grande dissipatore al mondo di cibo. Di conseguenza, frutta e verdura costano il doppio di quanto dovrebbero, e il latte il 50% in più.

Non è solo il cibo deperibile che viene sprecato. Si stima che circa 21 milioni di tonnellate di frumento - equivalenti a un intero raccolto annuale in Australia - marcisca o venga mangiato dagli insetti, a causa di uno stoccaggio inadeguato e di una cattiva gestione da parte dell’ente governativo Food Corporation of India (FCI). L’inflazione dei prezzi alimentari dal 2008-2009 è stata costantemente al di sopra del 10%, (tranne che per il 2010-2011, quando era “solo” il 6,2%); ad averne sofferto di più sono stati i poveri, le cui spese alimentari in genere rappresentano il 31% del bilancio familiare.

Ci sono diversi motivi per cui così tanto cibo deperibile va perso, tra questi l’assenza di moderne catene di distribuzione alimentare, l’esiguità di centri frigoriferi di stoccaggio e camion frigoriferi, un parco di mezzi di trasporto misero, una fornitura di energia elettrica irregolare, e la mancanza di incentivi per investire nel settore. L’Indian Institute of Management di Kolkata stima che i magazzini frigoriferi sono disponibili solo per il 10% dei prodotti alimentari deperibili, lasciandone a rischio circa 370 milioni di tonnellate.

Support Project Syndicate’s mission

Project Syndicate needs your help to provide readers everywhere equal access to the ideas and debates shaping their lives.

Learn more

La FCI è stata fondata nel 1964 principalmente per realizzare sistemi di sostegno dei prezzi, facilitare la distribuzione a livello nazionale, e mantenere scorte di alimenti di base come grano e riso. Ma la cattiva gestione, la scarsa supervisione, e la corruzione dilagante vanno a significare che la FCI, che divora l’1% del PIL, è ora parte del problema. L’ex Ministro dell’Alimentazione K.V. Thomas ha definito l’ente un “elefante bianco”, che deve essere rinnovato “da cima a fondo”. Ma il governo ha invece cercato di porre fine alla carenza aumentando la produzione, senza considerare che quasi metà del cibo andrà perso.

L’India non avrà abbastanza terra coltivabile, irrigazione, o energia per nutrire i futuri 1,7 miliardi di persone del paese se il 35-40% della produzione di cibo viene lasciata deperire. Il nuovo governo di Modi dovrebbe quindi prendere in considerazione modalità alternative per risolvere la crisi alimentare indiana.